Casi e sentenze di merito

Caso Vieri. La società sportiva, che controllava illecitamente l’utenza telefonica, deve risarcire il calciatore

In tema di danni non patrimoniali, è dovuto il risarcimento di tali danni, laddove risulti una violazione della privacy, quale una indagine illecita - divulgata a mezzo stampa - sulle utenze telefoniche del calciatore da parte della società calcistica, diretta a controllare la vita privata e notturna del giocatore e le eventuali ripercussioni sulle sue prestazioni sportive.

Leggi dopo