Casi e sentenze di merito

Gli eredi e il diritto al risarcimento del danno biologico permanente patito dal defunto

06 Marzo 2015 |

Trib. Vallo della Lucania

Danno biologico permanente

Nel caso di morte conseguita dopo 83 giorni alle lesioni riportate dalla vittima di un sinistro stradale, al fine di evitare la disparità di trattamento che altrimenti si verificherebbe nei confronti di chi, dopo aver riportato un danno permanente, sopravviva, si deve riconoscere agli eredi del defunto il danno biologico permanente da quest’ultimo patito, parametro però non alla vita media bensì all’effettivo periodo di vita che la vittima ha vissuto dopo il sinistro.

Leggi dopo