Focus

“Alla fine tornò il principio”: i limiti risarcitori del colpo di frusta e la sentenza n. 32483/2019

Sommario

Introduzione | La norma, utilmente interpretata | L'interpretazione abrogativa della Cassazione | Equilibrismi ermeneutici: verso il recupero dell'intento legislativo | Conclusioni: il tema del “colpo di frusta”, sotto un diverso angolo visuale |

 

A seguito delle modifiche apportate all'art. 139 cod. ass., la Cassazione si è più volte pronunciata circa la portata della disposizione riformata e, più specificamente, sui presupposti necessari per accertare l'esistenza del danno biologico permanente in caso di lesioni di modesta entità. In particolare, le pronunce pubblicate nel corso della prima metà del 2019 hanno escluso che la norma abbia imposto la necessità degli accertamenti strumentali (quale unico mezzo di accertamento delle lievi invalidità permanenti) dovendo viceversa essere garantito il principio del libero convincimento del giudice, anche laddove sostenuto da altre diverse modalità accertative, purché rigorose ed obiettive. Tale approdo ..

Leggi dopo