Focus

Costa Concordia: il danno non patrimoniale dei passeggeri nella pronuncia del tribunale di Grosseto

Sommario

I limiti di un processo penale troncato da archiviazioni e patteggiamenti | L’esclusione di una liquidazione anche sanzionatoria del danno non patrimoniale | Il danno non patrimoniale: una categoria unica con plurime componenti | Il danno morale | La liquidazione del danno morale aggravato dalla condotta | Il diniego dell’appesantimento del quantum per il “danno da vacanza rovinata” | Danni biologici e danni esistenziali: il rinvio ai giudizi civili |

 

La sentenza penale del Tribunale di Grosseto, intervenuta in relazione al noto naufragio della Costa Concordia, contiene spunti di sicuro interesse sul versante della liquidazione del danno non patrimoniale. Infatti, aderisce alla prospettiva del "danno morale aggravato dalla condotta", ribadendo come il quantum dei pregiudizi morali, quand'anche associati a pregiudizi biologici di ordine psichico, sia meritevole di autonome considerazioni. Discutibile, invece, è l'assorbimento del pregiudizio (non patrimoniale) da vacanza rovinata entro il danno morale risarcito ai passeggeri per il dramma vissuto durante il naufragio.

Leggi dopo