Focus

Danni da naufragio in crociera: la sentenza d’appello nel caso Costa Concordia

Sommario

La liquidazione del “danno morale aggravato dalla condotta” in primo grado e gli appelli delle parti civili | Gli incrementi delle provvisionali: confermata la distinzione tra danno morale (aggravato dalla condotta) e danno biologico-psichico | Il diniego del danno punitivo | Il danno biologico-psichico “minimale” | Prospettive incrementative attraverso il danno da vacanza rovinata | Il danno morale da lucida agonia |

 

La sentenza penale della Corte di Appello di Firenze, intervenuta in relazione al naufragio della Costa Concordia, aggiunge, rispetto al Tribunale di Grosseto, ulteriori indicazioni in ordine alla liquidazione dei danni da “mass torts” in vacanza. La Corte conferma il risarcimento del «danno morale aggravato dalla condotta» quale posta autonoma rispetto ai pregiudizi biologici di ordine psichico. Inoltre, dichiara la sicura risarcibilità del pregiudizio da vacanza rovinata accanto alle altre voci di danno non patrimoniale.

Leggi dopo