Focus

Il danno non patrimoniale (biologico, morale, esistenziale) è risarcibile solo come danno da sofferenza?

Sommario

Le recenti sentenze della Cassazione sul danno non patrimoniale | Perché le critiche mosse alle sentenze di San Martino non colgono nel segno? | Il danno da sofferenza ed il danno esistenziale conservano una “autonomia ontologica” rispetto al danno biologico? | Quali sono gli effetti della sentenza della Corte Costituzionale n. 235/2014 sulle micropermanenti ex art. 139 Codice delle Assicurazioni ? | ... e sulle macropermanenti ex art. 138 Codice delle Assicurazioni? | Il danno non patrimoniale risarcibile è solo il danno da sofferenza? |

 

Con le sentenze in esame una parte dei giudici della terza Sez. civile della Cassazione critica la tesi espressa nelle sentenze delle Sezioni Unite c.d. “sentenze di San Martino", secondo cui il danno non patrimoniale ha natura onnicomprensiva ed il danno morale o da sofferenza costituisce solo una voce di tale danno, da liquidare congiuntamente al danno biologico. L’autore non solo afferma che devesi confermare l’idoneità di una liquidazione unitaria del danno, ma, quasi provocatoriamente, si chiede: il danno non patrimoniale, pur composto da varie voci, è risarcibile solo allorché sia provata, sia pure mediante presunzioni, la sofferenza della vittima?

Leggi dopo