Focus

Il risarcimento conseguente alla risoluzione per inadempimento si estende anche alle spese sostenute dalla parte non inadempiente

12 Ottobre 2015 | Responsabilità contrattuale e/o extracontrattuale (in genere)

Sommario

Il danno patrimoniale contrattuale o da inadempimento | Il danno contrattuale da aspettativa (ovvero il ristoro da lesione dell’interesse positivo) | Il danno contrattuale da affidamento (ovvero il ristoro da lesione dell’interesse negativo) | Risarcimento e restituzioni | In conclusione | Guida all'approfondimento |

 

Nel caso di inadempimento del contratto, la parte non inadempiente può chiedere, unitamente alla risoluzione, anche il risarcimento dei danni, sempre che sia fornita la dimostrazione rigorosa della relativa esistenza. Fra le poste risarcibili rientrano anche le spese sostenute in vista dell’adempimento, purché esse costituiscano una perdita netta per il creditore e si collochino in rapporto di regolarità causale con la prestazione inadempiuta imputabile al debitore.

Leggi dopo