Focus

La Corte costituzionale salva la riforma della legge sulla responsabilità civile dei magistrati

Sommario

La riforma del 2015 della legge Vassalli | Le questioni rimesse alla Corte Costituzionale | La sentenza della Corte Cost. n. 164/2017 | In conclusione | Guida all'approfondimento |

 

In tema di responsabilità civile dello Stato per fatto illecito del magistrato, non è costituzionalmente necessario per tutelare l'autonomia e dell'indipendenza della magistratura che sia prevista una delibazione preliminare dell'ammissibilità della domanda contro lo Stato (il c.d. filtro), in quanto la disciplina in materia, pur riformata dalla l. n. 18/2015, vede la permanenza di una responsabilità solo indiretta del magistrato e un'azione di rivalsa con diversi presupposti, elementi che di fatto assicurano la serenità di giudizio dei magistrati e la loro soggezione solo alla legge.

Leggi dopo