Giurisprudenza commentata

La liquidazione equitativa del danno derivante da lesioni micropermanenti e il rischio della pluralità dei parametri risarcitori

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni |

 

Il danno non patrimoniale correlato a lesioni di lieve entità, non derivanti dalla circolazione stradale, deve essere liquidato, in via equitativa, facendo riferimento ai criteri indicati dal legislatore per le invalidità micropermanenti di cui all'art. 139 D. lgs. n. 209/2005, cui rinvia ora anche la L. n. 189/2012 in tema di responsabilità sanitaria, non potendo ritenersi ammissibile, alla luce del principio costituzionale di uguaglianza, una quantificazione del danno differenziata a seconda del fatto generatore del pregiudizio all'integrità psicofisica.

Leggi dopo