News

Risarcimento diretto: in GU il Provvedimento IVASS sul criterio di calcolo dei costi e delle franchigie per la compensazione tra imprese di assicurazioni

28 Novembre 2018 |

Provvedimento 14 novembre 2018

Indennizzo diretto

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 276 del 27 novembre 2018 è stato pubblicato il Provvedimento 14 novembre 2018 dell’Istituto sulla Vigilanza delle Assicurazioni.

 

L’IVASS stabilisce il criterio per il calcolo dei costi e delle eventuali franchigie per la definizione delle compensazioni tra imprese di assicurazione nell'ambito del risarcimento diretto, di cui all'art. 150 d. lgs. 7 settembre 2005, n. 209, in attuazione dell'art. 29 del d.l. 24 gennaio 2012, n. 1, recante «Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività», convertito con l. 24 marzo 2012, n. 27.

 

Come si legge nella relazione dell'Istituto, la ratio sottostante tale scelta del legislatore è di incentivare l'efficienza produttiva, e in particolare il controllo dei costi e l'individuazione delle frodi. 

 

L'Istituto ha ritenuto necessario, durante il suo periodo di monitoraggio del sistema di risarcimento diretto, effettuare una revisione del modello CARD, perfezionandolo ed integrandolo secondo l'esperienza maturata e sulla base delle modifiche intervenute sulle variabili considerabili.

 

Le seguenti principali innovazioni del nuovo modello CARD mirano al perfezionamento della cd. misura dell'efficienza delle imprese:

  • il costo medio dei sinistri, per il quale vengono considerati i soli sinistri definiti con responsabilità esclusiva, ossia a carico di uno solo dei veicoli coinvolti;
  • l'introduzione di una nuova componente dedicata all'efficienza dell'attività antifrode nella fase di liquidazione dei sinistri;
  • la nuova formulazione della velocità di liquidazione;
  • l'estensione, a partire dal 2020, della componente "costo persona"alle lesioni di lieve entità dei terzi trasportati

 

L’allegato provvedimento, che si compone di 13 articoli suddivisi in 3 titoli e di 1 allegato, entrerà in vigore il 1 gennaio 2019.

Leggi dopo