Bussola

Contratto autonomo di garanzia e polizze fideiussorie

18 Febbraio 2015 |

Sommario

Inquadramento | Fideiussione atipica connotata dalla clausola del “solve et repete” | Contratto autonomo di garanzia | Casistica |

 

Secondo lo schema codicistico, le garanzie personali attraverso le quali, in un contratto, la parte debitrice può procurare alla parte creditrice una garanzia rispetto all’eventuale inadempimento delle proprie obbligazioni, sono in generale costituite secondo lo schema della fideiussione (artt. 1936 e ss c.c.).   Nella fideiussione, il fideiussore assume l’obbligo di garantire che, in caso di inadempimento della obbligazione garantita, il creditore potrà chiedere al medesimo fideiussore l’adempimento in luogo del soggetto obbligato (in caso di obblighi fungibili) o una somma equivalente al pregiudizio subito (in caso di obbligazioni infungibili).  Correlativamente, il fideiussore è tenuto ad adempiere alla propria obbligazione di garanzia solo se il debitore sia tenuto alla prestazione dedotta in garanzia e potrà eccepire al creditore beneficiario tutte le eccezioni sollevabili dal debitore nella fattispecie concreta. La fideiussione puo’ essere prestata: con un contratto a struttura trilatera (debitore principale, fidejussore e creditore sono parti); con un contratto bilaterale in favore di terzo (debitore principale e fideiussore sono parti e il creditore è terzo beneficiario); con un negozio con obbligazioni del solo proponente (il fideiussore si impegna a prestare garanzia...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento