Bussola

Illeciti nei rapporti di condominio: profili processuali

Sommario

Inquadramento | Elemento oggettivo | Elemento soggettivo | Nesso di causalità | Onere della prova | Aspetti processuali | Casistica | Bibliografia |

 

Per enucleare la griglia degli strumenti giuridici volti alla tutela giurisdizionale dei diritti di cui il soggetto, sia quest’ultimo appartenente alla collettività condominiale o semplice terzo, eventualmente danneggiato dall’attività riconducibile al Condominio negli edifici possa beneficiare, occorre individuare quali siano i fatti potenzialmente lesivi di beni giuridici causativi di danni che possono essere imputati alla sfera giuridica soggettiva del Condominio unitariamente considerato e/o ai condomini che di quest’ultimo fanno parte. Innanzitutto potenzialmente lesiva dei diritti dei condomini o di terzi è l’attività deliberativa assunta dall’organo assembleare condominiale espressamente disciplinata dalla legge agli artt. 1135 e 1136 c.c.. Il Condominio, da qualificare quale ente di gestione sfornito di personalità giuridica distinta da quella dei singoli condomini (Cass. civ., sez. III, sent. 3 settembre 2012, n. 14765), esterna la volontà dei membri che lo compongono mediante l’adozione di apposite deliberazioni assembleari, atti collegiali che vengono adottati in occasioni di riunioni generalmente indette tra i condomini una volta l’anno per l’approvazione di svariate decisioni sulle materie espressamente disciplinate dalla legge all’art. 1135 c.c. e su quelle che s...

Leggi dopo