Bussola

Medicina difensiva

19 Dicembre 2016 |

Sommario

Inquadramento | Limiti | Rimedi | Novità della legge Balduzzi | Profili rilevanti del d.d.l. Gelli |

 

La medicina difensiva consiste nella pratica di diagnostiche o di misure terapeutiche condotte principalmente, non per assicurare la salute del paziente, ma per garantirsi da eventuali responsabilità medico-legali susseguenti alle cure mediche prestate. Della medicina difensiva si rinviene nella letteratura statunitense la migliore e più diffusa definizione.   IN EVIDENZA La medicina difensiva è integrata quando i medici ordinano test, procedure e visite, oppure evitano pazienti o procedure ad alto rischio, principalmente (ma non necessariamente) per ridurre la loro esposizione ad un giudizio di responsabilità per malpractice. Quando i medici prescrivono extra testo procedure per ridurre la loro esposizione ad un giudizio di responsabilità per malpractice, essi praticano una medicina difensiva positiva. Quando essi evitano certi pazienti o procedure, essi praticano una medicina difensiva negativa (OTA, Office of Technology assessment, USA Congress, 1994).   Le condotte di medicina difensiva negativa (o passiva o omissiva) si concretizzano, dunque, nell'astensione e nel rifiuto, da parte dei medici, di compiere azioni e interventi potenzialmente rischiosi per l'elevata probabilità di incorrere in una responsabilità civile o addirittura penale, connessa al loro operato. Dive...

Leggi dopo