Bussola

Prescrizione diritti derivanti dal contratto di assicurazione

Sommario

Nozione | Elemento oggettivo | Onere della prova | Aspetti processuali | Casistica |

 

Il nostro ordinamento giuridico, al fine di salvaguardare la certezza dei rapporti giuridici, ha previsto che il decorso del tempo, tra i vari effetti, sia causa di estinzione del diritto.  Trattasi dell’istituto della prescrizione estintiva, regolamentata nel libro VI, titolo V del c.c. (artt. da 2934 a 2969 c.c.). Essendo, la prescrizione, stabilita per un interesse generale, è norma di ordine pubblico e quindi inderogabile. Rispetto alla durata del termine prescrizionale, si distingue la prescrizione ordinaria e le prescrizioni brevi, tra le quali è ricompresa anche quella inerente l’argomento in oggetto. La brevità del termine è giustificata dalla peculiarità della materia. Nello specifico, l’art. 2952 c.c. – intitolato Prescrizione in materia di assicurazione - così dispone: Il diritto al pagamento delle rate di premio si prescrive in un anno dalle singole scadenze. Gli altri diritti derivanti dal contratto di assicurazione e dal contratto di riassicurazione si prescrivono in due anni dal giorno in cui si è verificato il fatto su cui il diritto si fonda, ad esclusione del contratto di assicurazione sulla vita i cui diritti si prescrivono in dieci anni. Nell'assicurazione della responsabilità civile, il termine decorre dal giorno in cui il terzo ha richiesto il risarciment...

Leggi dopo