Bussola

Responsabilità civile da vacanza rovinata

Sommario

Nozione | Evoluzione del concetto di danno da vacanza rovinata | Elemento oggettivo | Soglia minima di offensività | Contratto di pacchetto di viaggio | Elemento soggettivo | Legittimazione attiva | Legittimazione passiva | Nesso di causalità | Onere della prova | Criteri di liquidazione | Aspetti processuali |

 

La mancata o incompleta fruizione di uno o tutti i servizi di un pacchetto di viaggio può determinare un danno risarcibile per il turista, il danno da vacanza rovinata, in senso lato:  questo danno può avere natura patrimoniale o non patrimoniale.  Esempi di danno patrimoniale sono gli esborsi sostenuti dal turista per l’acquisto di un servizio di trasporto sostitutivo di quello pattuito nel pacchetto e non fornito oppure gli esborsi sostenuti dal turista per spese mediche conseguenti a malattia contratta per la scarsa igiene dei cibi somministrati nel servizio alberghiero, che compone il pacchetto di viaggio. Il danno non patrimoniale consiste, sotto il profilo meramente fenomenico e descrittivo, nel pregiudizio, evidentemente soggettivo, patito dal turista per la frustrazione delle sue aspettative di piena fruizione della vacanza, a causa dell’inadempimento totale o parziale delle prestazioni del pacchetto di viaggio. Per danno da vacanza rovinata, in senso stretto, in dottrina e giurisprudenza si intende esclusivamente il sopra descritto danno non patrimoniale e, nel seguito della presente scheda, ci si riferirà esclusivamente all’accezione in senso stretto.

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento

Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Su Responsabilità civile da vacanza rovinata

Vedi tutti »