Bussola

Responsabilità del commercialista

12 Dicembre 2016 |

Sommario

Inquadramento | Il rapporto contrattuale col cliente: diligenza e responsabilità del commercialista | Responsabilità risarcitoria contrattuale. Onere probatorio. Rinvio | Diligenza e responsabilità connessa alla verifica dei dati forniti dal cliente e agli accordi col cliente | Altri profili di responsabilità connessi all'attività professionale. Rinvio | Illecito disciplinare e responsabilità risarcitoria. Cenni | Casistica |

 

Il tema della responsabilità del commercialista è alquanto complesso e sfaccettato, poiché l'attività professionale in questione si caratterizza per la molteplicità e la complessità degli adempimenti e degli incarichi svolti. Basti una rapida lettura dell'art. 1 d. lgs. n. 139/2005 (al cui testo si rinvia) per avvedersi dell'ampiezza del campo di funzioni che può svolgere il professionista contabile (nelle due figure del dottore commercialista e dell'esperto contabile ovvero ragioniere), tenendo presente che il lungo elenco non è tassativo. La tipologia dell'attività del commercialista riguarda l'amministrazione o la liquidazione di aziende e/o patrimoni o singoli beni; le valutazioni, perizie e i pareri; le revisioni contabili; la tenuta di contabilità; la formazione di bilancio; la consulenza contrattuale ed economico-finanziaria; l'assistenza di procedure concorsuali; l'attività di sindaco e di revisore contabile di società; le operazioni societarie; l'assistenza, la rappresentanza e la consulenza tributaria. Se di regola il rapporto tra professionista e cliente è inquadrabile nel contratto d'opera intellettuale, bene possono accompagnarsi obbligazioni accessorie di mandato (si pensi alla rappresentanza processuale nei giudizi tributari, ovvero alla procura a compiere deter...

Leggi dopo