Bussola

Responsabilità dell'architetto

20 Marzo 2017 |

Sommario

Inquadramento | Competenze esclusive dell'architetto | Responsabilità civile del professionista in generale | Prestazione dell'architetto tra obbligazioni “di mezzi” e “di risultato” | Segue: Orientamenti a confronto | Sezioni Unite n. 15781/2005: abolizione della distinzione tra obbligazioni di mezzi e risultato | Profili processuali | Obbligazioni connesse alla progettazione dell'opera di architettura | Esclusione della responsabilità del professionista | Responsabilità dell'architetto per la scelta dei collaboratori: culpa in eligendo (o in vigilando) | Casistica |

 

La responsabilità civile dell'architetto costituisce una species all'interno del più ampio genus della responsabilità da esercizio di una prestazione d'opera professionale; in capo al prestatore d'opera, qualificato come “professionista”, sono posti particolari oneri di diligenza nell'adempimento delle obbligazioni connesse all'espletamento dell'incarico professionale. La professione dell'architetto, in particolare, si inscrive nell'ambito delle professioni «protette, regolamentate o organizzate», in quanto essa è organizzata in ordini professionali e il suo esercizio è riservato per legge solo ai soggetti abilitati e iscritti nell'albo professionale (art. 15 del d.P.R. n. 328/2001, che contiene la disciplina dell'albo professionale dell' “ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori”). La regolamentazione dell'attività professionale dell'architetto vanta referenti di matrice costituzionale ed europea, costituiti, in specie, dalle disposizioni di cui agli art. 4, comma 2,  9 e 41, Cost. e dalle disposizioni contenute nella direttiva “architetto” (Dir. 85/384/CEE), nonché dalla direttiva sul riconoscimento delle qualifiche professionali (Dir. 2005/36/CE). Le disposizioni normative dedicate alla professione dell'architetto sono contenute negli artt. 15- 19 ...

Leggi dopo