Bussola

Responsabilità penale dell'equipe medica

07 Luglio 2020 | , ,

Sommario

Inquadramento | Il principio di affidamento | Il limite dell'errore evidente e non settoriale | Il limite dell'organizzazione gerarchica dell'équipe | Cooperazione sincronica e diacronica. Il problema dell'avvicendamento nella posizione di garanzia | Casistica |

 

L'attività medica di gruppo è caratterizzata dalla cooperazione di più sanitari, portatori di diverse competenze specialistiche, che interagiscono tra di loro per il conseguimento del fine comune della cura del paziente. Il coinvolgimento di più figure nell'atto medico, se da un lato costituisce un fattore di razionalità e sicurezza (in ragione del fatto che ciascuno dei sanitari è chiamato a svolgere una specifica competenza), dall'altro rappresenta anche una possibile fonte di rischio: più sanitari pongono in essere una condotta pericolosa per la vita o l'integrità psico-fisica del paziente - nei confronti del quale essi sono portatori di una posizione di garanzia, espressione dell'obbligo di solidarietà imposto dagli artt. 2 e 32 della Costituzione - e sono destinatari di una serie di regole cautelari di diverso contenuto, ma finalizzate a prevenire il medesimo evento lesivo. Di conseguenza, in tutte le ipotesi di lavoro in équipe e, più in generale, di cooperazione multidisciplinare nell'attività medico-chirurgica, l'accertamento del nesso causale rispetto all'evento verificatosi deve essere compiuto con riguardo alla condotta ed al ruolo di ciascuno, non potendosi configurare una responsabilità di gruppo in base ad un ragionamento aprioristico (Cass. pen., sez. IV, 8 lugl...

Leggi dopo

Esplora i contenuti più recenti su questo argomento