Bussola

Risarcimento del danno da lesione del possesso

27 Maggio 2014 |

Sommario

Nozione | Elemento oggettivo | Elemento soggettivo | Onere della prova | Criteri di liquidazione del danno | Aspetti processuali | Profili penalistici | Casistica |

 

Il possesso è definito come il potere di fatto sulla cosa che si manifesta in un’attività corrispondente all’esercizio della proprietà o di altro diritto reale (art. 1140 c.c.): si tratta di una situazione di fatto considerata dall’ordinamento meritevole di tutela in sé e per sé, ossia a prescindere dalla tutela riservata al diritto reale, tanto che ne è prevista una tutela tramite speciali azioni (azione di reintegrazione e di manutenzione) (artt. 1168 e 1170 c.c.). Pertanto colui che esplica atti di dominio sulla cosa può essere, e normalmente è, l'avente diritto, ma non è escluso che a lui non spetti il diritto esercitato: sino a quando non si pervenga all'accertamento giudiziale dell'effettiva realtà giuridica, è sufficiente l'esistenza di questo rapporto di potere rispetto a un bene per ottenere la protezione offerta dall'azione di reintegrazione e da quella di manutenzione, rispettivamente contro gli atti di spoglio o di molestia da chiunque perpetrati. Il primo elemento del possesso consiste nel potere sulla cosa che si manifesta in un'attività corrispondente all'esercizio della proprietà o di altro diritto reale: di conseguenza a integrare il possesso è necessario che la disponibilità materiale di un bene si esplichi in conformità alla struttura di un rapporto giuridic...

Leggi dopo