Multimedia

Danno non patrimoniale da morte del congiunto

05 Giugno 2014 | Danno da perdita del rapporto parentale
Facebook LinkedIn Twitter Google Plus
 

Si tratta di un tema vastissimo, tutti i danni non patrimoniali sono stati definiti dalla Corte di Cassazione a Sezione Unite con un’importante sentenza la 26972 del 2008 come il pregiudizio a interessi della persona non interessi patrimoniali non suscettibili di valutazione patrimoniale. Ora da questa definizione si ricava che primo qualsiasi danno non patrimoniale deve cadere su un interesse non patrimoniale – se distruggono la mia collezione di francobolli alla quale io tenevo tanto e per questa ragione mi ammalo – soffro – e mi strappo i capelli e mi lacero le vesti questo non è un danno non patrimoniale risarcibile perché la condotta dell’offensore non è caduta su un interesse della persona è caduta su un bene patrimoniale. Ora nel caso di morte di una persona causata dal fatto illecito altrui il danno non patrimoniale patito dai suoi prossimi congiunti è rappresentato dall’interesse al vincolo familiare al vincolo affettivo alle altre utilità non patrimoniali che si ritraevano dalla vicinanza o comunità di vita e interessi con la persona deceduta.

Leggi dopo