Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

La società fallita può ancora agire per tutelare il proprio marchio

27 Luglio 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Milano

Risarcimento del danno da lesione della proprietà intellettuale e industriale

Nel corso della fase di dismissione del patrimonio di una società fallita non si verifica la decadenza di un marchio...

Leggi dopo

Le tabelle di Milano come criterio di riferimento per la valutazione equitativa del danno non patrimoniale

24 Luglio 2015 | di Redazione Scientifica

App. Napoli

Tabella del Tribunale di Milano

Nella liquidazione del danno biologico, l’uniformità di trattamento di casi analoghi viene garantita dal riferimento al criterio di liquidazione predisposto dal Tribunale di Milano...

Leggi dopo

I presupposti dell’azione risarcitoria in caso di nascita indesiderata

16 Luglio 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Catanzaro

Danno da nascita indesiderata

In tema di responsabilità da nascita indesiderata, l’omessa diagnosi della patologia e la conseguente mancata informazione alla gestante, ancorché imputabili a colpa del sanitario, non sono di per sé sufficienti a ritenere fondata l’azione risarcitoria...

Leggi dopo

Ricade sul paziente l’incertezza sull’esistenza del nesso causale tra condotta del medico e danno

09 Luglio 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Firenze

Responsabilità del medico dipendente di struttura privata

Nel giudizio avente ad oggetto il risarcimento del danno da attività medico-chirurgica, l'attore deve provare l'esistenza del contratto (o il contatto sociale) ed allegare l'insorgenza (o l'aggravamento) della patologia e l'inadempimento qualificato del debitore...

Leggi dopo

L’inosservanza dell’obbligo di preavviso del sinistro non implica di per sè la perdita della garanzia assicurativa

02 Luglio 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Napoli

Assicurazione contro i danni

In tema di assicurazione contro i danni, l'inosservanza, da parte dell'assicurato, dell'obbligo di dare avviso del sinistro, secondo le specifiche modalità previste da clausola di polizza, non può implicare, di per sé, la perdita della garanzia assicurativa...

Leggi dopo

Il datore di lavoro deve risarcire il danno alla salute del lavoratore causato dalla condotta di straining

26 Giugno 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Aosta

Le figure responsabili nei luoghi di lavoro

In tema di risarcimento del danno alla salute del lavoratore, la relativa domanda va accolta qualora, sussistendo il nesso causale tra l’attività di straining ed il suddetto danno, risulti che il datore di lavoro...

Leggi dopo

È onere del danneggiante vincere la presunzione di sofferenza interiore del danneggiato

25 Giugno 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Catanzaro

Danno da lesione del rapporto parentale

In tema di danno non patrimoniale, ove i danneggiati abbiano allegato che le gravi lesioni subite dal proprio congiunto all’esito del fatto/evento lesivo (incidente stradale) hanno comportato un’alterazione del proprio relazionarsi con il mondo esterno...

Leggi dopo

Il custode è responsabile per il fatto ignoto considerando incidenza della condotta del danneggiato sull’accaduto

24 Giugno 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Reggio Emilia

Danno cagionato da cose in custodia

La responsabilità di cui all’art. 2051 c.c. ha natura oggettiva ed è esclusa solo dal caso fortuito: rimane a carico del custode

Leggi dopo

È risarcibile il danno da vaccino antinfluenzale

18 Giugno 2015 | di Redazione Scientifica

App. Cambobasso

Risarcimento del danno non patrimoniale

Il diritto all'indennizzo spetta anche alle vittime di lesioni conseguenti a vaccinazioni non obbligatorie (nella specie, antinfluenzale), ma che siano state raccomandate o anche solo sollecitate dalle autorità sanitarie, in quanto la ratio della Legge 210/92 esige (come chiarito dalla sentenza n. 107/2012 Corte Cost.)

Leggi dopo

Errore scusabile: la PA non è responsabile

12 Giugno 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Torino

Responsabilità della P.A.

Ai fini dell'ammissibilità della domanda di risarcimento del danno nei confronti della P.A., non è sufficiente il solo annullamento del provvedimento lesivo, ma è altresì necessario che sia configurabile la sussistenza dell'elemento soggettivo della colpa

Leggi dopo

Pagine