Focus

Focus

Il trattamento dei dati personali nei contratti business-to-consumer: la controprestazione digitale del consumatore e le nuove pratiche commerciali sleali

07 Dicembre 2018 | di Elisa Valletta

Responsabilità per illecito trattamento di dati personali

L’avvento delle nuove tecnologie ha profondamente modificato la struttura del mercato comunitario e nazionale, richiedendo un aggiornamento normativo nel disciplinare delle fattispecie giuridiche innovative. L’utilizzo dei dati personali del consumatore da parte delle imprese rappresenta una controprestazione giuridica suscettibile di valutazione economica che, se non adeguatamente regolamentata, rischia di compromettere ulteriormente la posizione della parte contrattuale “debole”. L’Autore evidenzia la costante evoluzione della disciplina consumeristica e contrattuale alla luce delle recenti condotte poste in essere nel commercio elettronico.

Leggi dopo

Il “valore monetario base” nella tabella per la liquidazione del danno da perdita del rapporto parentale

06 Dicembre 2018 | di Giuseppe Chiriatti

Danno da perdita del rapporto parentale

La modifica formale apportata dalla nota del 5 luglio 2018 (da “valore monetario medio” a “valore monetario base”) parrebbe legittimare la tesi secondo cui i valori monetari previsti nella prima colonna della nuova tabella costituiscano un minimum inderogabile e, dunque, risulta antitetica rispetto all’esigenza dichiarata nella nota illustrativa delle tabelle 2018. D’altro canto, la mancata previsione di un valore risarcitorio minimo renderebbe la tabella inidonea a garantire quell’uniformità di trattamento richiamata dalla c.d. sentenza Amatucci.

Leggi dopo

Il decalogo della Corte di Cassazione in tema di danno non patrimoniale: il punto di vista (ri)assicurativo

04 Dicembre 2018 | di Lorenzo Vismara

Risarcimento del danno non patrimoniale

Il commento di seguito riportato si pone quale obiettivo, più che un’analisi giuridica dell’importante pronuncia della Corte di Cassazione, la condivisione di alcune riflessioni in merito ai possibili futuri scenari del sistema risarcitorio relativo al danno alla persona.

Leggi dopo

Riflessioni sul danno morale: l'evidence deve essere il vero punto di riferimento del medico legale

30 Novembre 2018 | di Giovanni Cannavò

Valutazione medico-legale del dolore e della sofferenza

In tempi del tutto recenti è tornato d'attualità il dibattito intorno al danno morale, che ha visto la pubblicazione di un prezioso contributo da parte di autorevoli esponenti del mondo dottrinario medico-legale ( Accertamento & valutazione medico-legale della sofferenza morale, SIMLA, 2018) e di un “Decalogo” della Suprema Corte in tema di danno risarcibile (Cass. civ., sent. 27 marzo 2018 n. 7513), con riferimenti anche alla c.d. sofferenza interiore.

Leggi dopo

L’equivoco tra giurista e medico legale in tema di parametrazione del danno biologico

27 Novembre 2018 | di Enrico Pedoja

Valutazione medico-legale del dolore e della sofferenza

La lettura della sentenza n. 901/2018, e soprattutto della n. 7513 del 27 marzo 2018 pone attualmente serie criticità interpretative medico-legali e medico giuridiche sulla intrinseca nozione e contenuto del concetto di danno biologico, quale emerge dagli artt. 138 e 139 cod. ass., in relazione all’acquisizione di una definizione tecnica medico-legale di “danno biologico”, definita dalla SIMLA nel lontano 2001, divenuta ora di difficile inquadramento nel contesto della più estensiva nozione di danno non patrimoniale.

Leggi dopo

Assicurazione obbligatoria RCA e nozioni oggetto di copertura: giurisprudenza CGUE e margini di non conformità del modello italiano

22 Novembre 2018 | di Marco Bona , Clara Cerlon

Responsabilità da circolazione di veicoli

La disponibilità o meno, in capo agli Stati membri, della determinazione della portata delle nozioni di “veicolo” e di “circolazione di veicoli”, essenziali per l'operatività delle direttive in materia di assicurazione obbligatoria per la RCA, è una questione che ha determinato a più riprese l'intervento della Corte di Giustizia. Quest'ultima, attraverso declaratorie di incompatibilità ed affermazioni di principi interpretativi cui dovrebbero ispirarsi gli Stati membri, è pervenuta a delineare un modello di diritto uniforme che impone di verificare la conformità fra questo e l'impostazione italiana.

Leggi dopo

Le più recenti pronunce della Cassazione, tra danno biologico e morale: quo vadis?

20 Novembre 2018 | di Daniela Zorzit

Danno morale

Il dibattito intorno al “danno non patrimoniale” sembra ontologicamente destinato a non esaurirsi mai ed a trovare sempre nuova linfa, complici anche la pronunzie della Suprema Corte che , in un incessante lavorio, cercano di definirne i contorni.

Leggi dopo

Le competenze medico legali ed il rischio di duplicazione risarcitoria nel sistema di “liquidazione congiunta” della c.d. tabella milanese

13 Novembre 2018 | di Enzo Ronchi

Valutazione medico-legale del dolore e della sofferenza

Appartengono alla competenza tecnica medico-legale la quantificazione percentuale del danno biologico, temporaneo e permanente, e la descrizione di peculiari aspetti dinamico-relazionali personali, in nesso causale, attraverso verifica delle relative allegazioni e prove gravanti sulle parti. Risulta però tuttora in discussione la pretesa competenza medico-legale, in termini di contributo a beneficio di chi sia preposto alla liquidazione, nella quantificazione della sofferenza morale, psico-fisica

Leggi dopo

Il risarcimento del danno da perdita di chances di sopravvivenza

08 Novembre 2018 | di Mirko Faccioli

Danno da perdita di chances in materia sanitaria

Il contributo prende spunto da una relazione tenuta dall’Autore al 43° Congresso Nazionale SIMLA, svoltosi presso il Palazzo della Gran Guardia di Verona nei giorni 18-20 settembre 2018. Lo scritto approfondisce il tema del danno da perdita di chances di sopravvivenza causata da malpractice medica soffermandosi, in particolare, ad analizzare gli orientamenti giurisprudenziali formatisi attorno alle questioni relative all’individuazione e alla quantificazione dei pregiudizi risarcibili in capo agli eredi e ai congiunti della vittima di questo particolare tipo di illecito

Leggi dopo

Il risarcimento del danno non patrimoniale: alla ricerca di un punto di equilibrio

06 Novembre 2018 | di Andrea Penta

Risarcimento del danno non patrimoniale

Nelle “sentenze di San Martino” la natura unitaria del danno non patrimoniale comporta che tutti i pregiudizi non patrimoniali (biologico, da perdita parentale, esistenziale, sofferenza interiore) non danno luogo a diverse tipologie/categorie di danno, ma, quali “voci descrittive”, mirano solo a cogliere una più completa considerazione dell'insieme di cui fanno parte e devono essere, quindi, congiuntamente liquidati. Già in relazione a tale aspetto le recenti pronunce della Cassazione appaiono in contrasto con le Sezioni Unite del 2008.

Leggi dopo

Pagine