Focus

Focus

La sofferenza: cos'è, come si liquida e come l'accerta il CTU?

20 Novembre 2019 | di Damiano Spera

Valutazione medico-legale del dolore e della sofferenza

In occasione del FAMLI (Rimini, 21 - 23 Novembre 2019) il Pres. Spera, Pres. X Sezione civile Trib. Milano e Direttore scientifico di Ridare.it, risponde in modo chiaro ad alcune delle più importanti questione in tema di valutazione, accertamento e liquidazione della sofferenza.

Leggi dopo

La morte e il diritto di chi rimane

20 Novembre 2019 | di Marco Rodolfi

Risarcimento del danno patrimoniale

Il caso del risarcimento del danno patrimoniale al nucleo familiare della vittima e le forme di previdenza sociale e privata.

Leggi dopo

Il nuovo decalogo di “San Martino” 2019: la Suprema Corte detta le regole della responsabilità civile sanitaria

15 Novembre 2019 | di Maurizio Hazan, Filippo Martini, Marco Rodolfi

Responsabilità medica contrattuale e/o extracontrattuale

In data 11 novembre sono state depositate dieci sentenze della terza sezione civile della suprema Corte di Cassazione (nn. 28985-28994) in tema di responsabilità sanitaria. La notizia in sè non dovrebbe avere particolare risalto se si colloca l'evento nel novero delle decisioni prodotte annualmente dalla suprema corte, anche nello specifico settore della responsabilità civile da fatto sanitario. Tuttavia, alcune “coincidenze” hanno portato gli osservatori attenti e gli addetti ai lavori a considerare questo passaggio in una qualche misura uno snodo per la disciplina della materia, al pari di una decisione quadro di sistema come possono esserlo solo le sentenze rese a Sezioni Unite aventi valenza nomofilattica.

Leggi dopo

La prova liberatoria nella responsabilità da infezioni nosocomiali

04 Novembre 2019 | di Mariachiara Vanini

Onere di allegazione e prova del danno patrimoniale e non patrimoniale

Il presente contributo approfondisce la responsabilità da infezioni nosocomiali, soffermandosi sull'onere della prova in capo a paziente e struttura ospedaliera. In particolare, l'Autore, all'esito dell'analisi di alcune significative sentenze sul tema, individua dei requisiti (minimi ma necessari) che la prova fornita dalla struttura deve avere per potersi effettivamente qualificare come liberatoria; segnatamente, la prova deve essere specifica, efficace, dettagliata e comprovata dalla analitica compilazione della cartella clinica. Si sottolinea, inoltre, l'importanza di mettere in luce le caratteristiche essenziali di tale prova e di permettere concretamente alla struttura convenuta la possibilità di andare esente da responsabilità, poiché ciò è conforme al dato normativo e garantisce l'attivazione di meccanismi virtuosi all'interno degli ambienti sanitari. Infine, si suggerisce l'istituzione di un fondo statale volto ad assicurare un indennizzo alle vittime di infezioni nosocomiali non imputabili alla struttura ospedaliera.

Leggi dopo

La responsabilità civile del magistrato per errore nella interpretazione delle norme di diritto civile e processuale civile

24 Ottobre 2019 | di Massimo Vaccari

Responsabilità del magistrato

L’ intervento della Cassazione a Sezioni Unite del 3 maggio 2019, n.11747, sebbene originato da una ipotesi ricadente, ratione temporis, nell’ambito di applicazione della l. 13 aprile 1988, n. 117 (c.d. Legge Vassalli), offre lo spunto per approfondire il tema della responsabilità civile del magistrato per errore di diritto alla luce anche della disciplina contenuta nella l. 27 febbraio 2015, n. 18.

Leggi dopo

Il danno differenziale, riforme e controriforme. Molto rumore per nulla?

01 Ottobre 2019 | di Andrea Ferrario

Danno differenziale

Per effetto di un tribolato intervento legislativo in due tempi, andati in scena - il primo - con la legge di bilancio del 2019 - il secondo - con il c.d. Decreto Crescita, la tematica del c.d. danno differenziale è prepotentemente balzata al centro del dibattito civilistico e giuslavoristico.

Leggi dopo

La competenza medico legale nella valutazione “tecnica” della sofferenza soggettiva interiore

26 Settembre 2019 | di Enzo Ronchi, Luigi Mastroroberto, Umberto Genovese

Valutazione medico-legale del dolore e della sofferenza

Interveniamo sentendoci chiamati in causa dall’articolo del Giudice Damiano Spera su questa stessa rivista dal titolo “Il nuovo quesito medico legale all’esame dell’Osservatorio di Milano”, posto che fin dal 2009 è stata da noi sollevata la questione del contributo medico legale nella valutazione della sofferenza morale in una edizione Giuffrè, molto conosciuta in ambito medico legale e probabilmente assai meno nota fra gli esperti di diritto del risarcimento danni alla persona. Ed è appunto al riguardo che si vuole intervenire cercando di fornire un ulteriore contributo tecnico nell’elaborazione di un nuovo quesito per i CTU.

Leggi dopo

L'art. 139 cod. ass. e la sentenza n.98/2019 della Corte Costituzionale: aspetti medico legali

20 Settembre 2019 | di Enzo Ronchi

Cass. civ.

Valutazione medico-legale del dolore e della sofferenza

Con la sentenza n. 98/2919 la Consulta ha affrontato il tema della risarcibilità del danno alle cose nelle fattispecie gestite dal Fondo di Garanzia delle Vittime della Strada, considerando poi anche la formulazione dell'art. 139 per come recentemente modificata dalla legge n. 124/2017.

Leggi dopo

L'applicabilità della compensatio lucri cum damno alla rendita vitalizia erogata dall'INAIL a seguito di un infortunio in itinere

18 Settembre 2019 | di Andrea Penta

Danno differenziale patrimoniale e non patrimoniale

Due sono gli orientamenti formatisi sulla questione: l'uno nel senso di ritenere che la costituzione, da parte dell'assicuratore sociale, di una rendita in favore dei prossimi congiunti di persona deceduta in conseguenza di un sinistro stradale in itinere non esclude né riduce in alcun modo il loro diritto al risarcimento del danno patrimoniale nei confronti del responsabile, non operando in tale ipotesi il principio della «compensatio lucri cum damno», a causa della diversità del titolo giustificativo della rendita rispetto a quello del risarcimento, di talché non sussiste alcuna duplicazione del danno ai sensi dell'art. 1916 c.c.; l'altro nel senso del diffalco, dovendosi detrarre, in base al principio indennitario, le somme liquidate dall'INAIL in favore del danneggiato da sinistro stradale a titolo di rendita dall'ammontare del risarcimento dovuto al danneggiato da parte del terzo responsabile.

Leggi dopo

Uso di espressioni sconvenienti e offensive nel processo: quali conseguenze?

13 Settembre 2019 | di Paolo Mariotti , Raffaella Caminiti

Risarcimento del danno da diffamazione

Negli scritti presentati e nei discorsi pronunciati nel corso del processo, le parti e i loro patrocinatori devono astenersi dall'usare espressioni sconvenienti od offensive, che non trovino giustificazione nell'esercizio del diritto di difesa e di critica, ma che eccedano rispetto ad essi, risultando contrarie alla correttezza e lealtà che devono connotare la dialettica processuale. La violazione di questo divieto, imposto dall'art. 89 c.p.c., può comportare, oltre alla cancellazione di tali espressioni, la condanna dell'offensore al risarcimento in favore dell'offeso del danno da questi sofferto.

Leggi dopo

Pagine