Focus

Focus su Danno biologico terminale

Alla ricerca dell'equità: i danni da premorienza e terminali nelle nuove Tabelle milanesi - Edizione 2018

25 Settembre 2018 | di Giuseppe Chiriatti

Danno biologico terminale

Pur non godendo del rango “paranormativo” attribuito alle tabelle storiche, i nuovi criteri orientativi per la liquidazione dei danni da premorienza e terminali appaiono conformi alle indicazioni fornite – in tema di equità – dalla sentenza Amatucci, prevedendo l’impiego di un meccanismo tabellare che contempla importi risarcitori predefiniti, ma allo stesso tempo flessibili. Importi che, peraltro, risultano “agganciati” a quelli espressi dalle tabelle storiche e che, al pari di questi ultimi, devono essere apprezzati alla stregua di una mera convenzione, tanto più necessaria per pervenire ad una qualche quantificazione di pregiudizi non misurabili in termini monetari.

Leggi dopo

Il danno cd. terminale alla luce delle Tabelle milanesi edizione 2018

06 Settembre 2018 | di Andrea Penta

Danno biologico terminale

Le tabelle depositate in data 14 marzo 2018 dall'Osservatorio sulla giustizia civile di Milano, mentre hanno avuto grande risalto per quanto concerne i criteri per la liquidazione del danno non patrimoniale, sembrano essere passate quasi inosservate per quanto concerne l'area estremamente delicata rappresentata dal danno cd. “terminale”.

Leggi dopo

Il cattivo esempio di Ivan Ilic (qualche nota ancora sul danno terminale)

15 Giugno 2017 | di Maurizio Hazan

Danno biologico terminale

Nulla di ciò che prova Ivan Ilic, e dice Tolstoj, ha a che vedere col danaro; se leggessimo il danno terminale con gli occhi di Ilic e il cuore di Tolstoj, il solo pensare alla sua risarcibilità sarebbe un’offesa.

Leggi dopo

Il danno terminale e la morte di Ivan Ilic

07 Giugno 2017 | di Franco Marozzi

Danno biologico terminale

Questioni relative al tentativo di tabellazione del danno terminale, perchè se quella di Ivan Ilic è certamente lucida agonia, come non ci si può affidare, al contrario, alla scienza quando ci si confronta con la questione della sofferenza in assenza, almeno apparente, di coscienza?

Leggi dopo