Focus

Focus su Danno da perdita del rapporto parentale

Danno non patrimoniale da perdita o compromissione del rapporto parentale: possibili ritocchi alla tabella milanese?

27 Gennaio 2017 | di Lucio Munaro

Danno da perdita del rapporto parentale

Con la perdita o grave compromissione del rapporto parentale, si lede l'interesse all'intangibilità della sfera degli affetti e della reciproca solidarietà nell'ambito della famiglia.

Leggi dopo

Il danno parentale nei nuovi lavori dell'Osservatorio di Milano

23 Gennaio 2017 | di Sebastiana Ciardo

Danno da perdita del rapporto parentale

L'evento morte o l'illecito civile, produce, sotto il profilo dei danni che da esso ne possono derivare, effetti negativi e lesivi di molteplici interessi: taluni incidenti direttamente la sfera del soggetto danneggiato il quale perde la vita per effetto di un fatto illecito o rimane gravemente leso, altri pregiudicano la sfera degli affetti dei congiunti, ne ledono la integrità fisica o provocano pregiudizio morale ed esistenziale. Accanto, dunque, alla vittima primaria dell'illecito si collocano le vittime c.d. secondarie, danneggiati “di riflesso o di rimbalzo” poiché subiscono danni dalla morte o dalla grave lesione subita dal congiunto conseguente alla commissione dell'illecito. Il Gruppo 3 dell'Osservatorio di Milano, nel rivedere la nozione e i criteri di liquidazione, pur confermando la validità delle tabelle milanesi, oramai in uso nella gran parte dei Tribunali d'Italia dopo la validazione giurisprudenziale operata dalle sentenza 12408/2011, che ha individuato nelle tabelle milanesi un valido criterio per la liquidazione equitativa del danno non patrimoniale, riconoscendone una vocazione nazionale (si veda anche Cass. civ., n. 14402/2011), ha, tuttavia, dato vita ad approfondimenti muovendosi su tre direttrici così sintetizzati: legittimati attivi; criteri di determinazione della oscillazione del valore rispetto alla curva dei risarcimenti; parametrazione del danno da lesione del rapporto parentale da risarcire ai congiunti residenti all'estero.

Leggi dopo