Focus

Focus su Azione del terzo trasportato

Il terzo trasportato non può citare nello stesso giudizio l’assicuratore del vettore e del danneggiante

22 Settembre 2014 | di Giuseppe Sileci

Azione del terzo trasportato

Il trasportato, che intenda agire nei confronti dell’assicuratore del proprio vettore per conseguire il risarcimento dei danni subiti in seguito ad incidente stradale, non può evocare nel medesimo giudizio anche l’assicuratore del responsabile civile perché la azione disciplinata dall’art. 141 e quella prevista dall’art. 144 del Codice del Codice delle Assicurazioni non sono cumulabili. Infatti, se l’intervento in causa dell’assicuratore del responsabile civile determina la estromissione dell’assicuratore del vettore, ossia il soggetto nei cui confronti aveva inizialmente rivolto la domanda il danneggiato, la eventuale iniziativa di quest’ultimo di evocare in giudizio ab initio entrambi gli assicuratori è processualmente inammissibile perché non si possono giustificare conseguenze processuali differenti a seconda che il litisconsorzio sia originario o successivo.

Leggi dopo