Focus

Focus

Coronavirus: obblighi, divieti, rischi interpretativi e regole utili nel rispetto di tutti

17 Marzo 2020 | di Antonio Bana

Danno da lesione degli altri diritti costituzionalmente garantiti

Nell’attuale emergenza sanitaria legata al diffondersi del virus COVID-19 va messa in luce la fattispecie di reato prevista dal libro III del nostro codice penale relativo alla contravvenzione di cui all’art. 650 c.p. con riferimento all’ “Inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità”.

Leggi dopo

Corona Virus e Responsabilità (medica e sociale)

10 Marzo 2020 | di Maurizio Hazan, Daniela Zorzit

Responsabilità medica contrattuale e/o extracontrattuale

La lezione della l. 24/2017 (cd. legge Gelli), rivela adesso una attualità disarmante, nella sua dichiarata intenzione di spostare il baricentro dal concetto accusatorio di responsabilità sanitaria, che divide e ci schiera in fazioni, a quello solidale di sanità responsabile, che al contrario dovrebbe unirci.

Leggi dopo

DAT finalmente operative: istituzione della Banca dati nazionale

06 Marzo 2020 | di Roberto Masoni

Danno da lesione del diritto alla libertà personale

Con un ritardo di 19 mesi rispetto al termine fissato dalla legge, in data 10 dicembre 2019, è stata finalmente istituita la banca dati d.a.t. presso il ministero della salute, in grado di raccogliere le d.a.t. redatte in ambito nazionale. In tal modo, a far data dal 2 febbraio, domenica (rectius 3 febbraio), la piena conoscibilità a livello nazionale dei testamenti biologici redatti dai cittadini è divenuta realtà, così garantendo la piena implementazione delle novità introdotte con la l. n. 219 del 2017.

Leggi dopo

Responsabilità civile del MMG alla luce delle più recenti novelle legislative e dei conseguenti atteggiamenti giudiziari

03 Marzo 2020 | di Giuseppe Deleo, Roberto Carlo Rossi

Responsabilità medica contrattuale e/o extracontrattuale

È fenomeno sociale manifesto l’incremento continuo ed al momento inarrestabile delle controversie giudiziarie (sia in ambito civilistico e, in misura relativamente più modesta, in ambito penalistico) che interessano i sanitari in generale ed i medici in particolare; né, al momento, ha prodotto gli attesi vantaggi la nota norma legislativa mirata 24/17 (cd. Gelli-Bianco dal nome dei due estensori alla Camera ed al Senato); ciò per una svariata serie di motivi, sia prettamente giuridici che legati al ritardo della promulgazione di decreti attuativi mirati che avrebbero dovuto fissare alcuni criteri nodali (tra i più attesi quelli “assicurativi”); per tutte tali questioni si rimanda alla ampia esistente letteratura ed articolistica di branca; lo scopo di queste pagine è quello di individuare ruolo, coinvolgimento e rischi di una figura diversa da quella dell’ospedaliero classico (che per solito è preso a modello di riferimento) ma non per questo meno esposta, vale a dire quella del Medico di Medicina Generale.

Leggi dopo

Brevi riflessioni sull’azione sociale di responsabilità promossa dal collegio sindacale

27 Febbraio 2020 | di Daniele Fico

Responsabilità dell’amministratore di società

La legittimazione all’azione sociale di responsabilità compete, ai sensi dell’art. 2393, comma 3, c.c., anche al collegio sindacale che la promuove con deliberazione assunta dai due terzi dei suoi componenti. L'Autore, dopo aver esaminato il contenuto dell’art. 2393 c.c., si sofferma sul rapporto tra l’azione sociale di responsabilità promossa dall’assemblea ordinaria dei soci e quello promossa dall’organo di controllo.

Leggi dopo

La giustizia predittiva

21 Febbraio 2020 | di Andrea Giordano

Profili processuali

La giurisprudenza del Consiglio di Stato ha avallato l'impiego di algoritmi in sede di decisioni pubbliche, così aprendo agli orizzonti della ‘giustizia predittiva' e, con questa, di un diritto auspicabilmente ‘certo'.

Leggi dopo

Danno differenziale: una disamina del sistema tradizionale e di quello innovativo nella valutazione del danno alla persona

18 Febbraio 2020 | di Enrico Pizzorno

Danno differenziale

Il ruolo dello stato anteriore nella valutazione del danno alla persona è uno degli argomenti più controversi in Medicina Legale; in merito dottrina e prassi si dividono secondo due teorie diverse, quella c.d. “tradizionale” e quella “innovativa”.

Leggi dopo

Criticità interpretative medico legali delle recenti Sentenze della Cassazione in tema di “danno morale” e “danno differenziale”

13 Febbraio 2020 | di Enrico Pedoja

Danno alla persona

Le recenti Sentenze della Terze Sezione della Cassazione, pur non rappresentando, in se, un “trattato di medicina legale”, hanno sicuramente fornito al Tecnico Specialista della Materia autorevoli spunti di discussione in tema di valutazione del “danno alla persona”, rimanendo tuttavia irrisolte alcune “criticità” interpretative circa il reale valore probatorio dei parametri attualmente utilizzabili in sede valutativa, allorché si debbano oggettivamente definire tutte le variabili biologiche delle poste risarcitorie del danno non patrimoniale. Analoghe criticità tecniche emergono in relazione all’esclusivo inquadramento valutativo del c.d. “danno differenziale” nel contesto del concetto di “danno incrementativo” che – talora - può non trovare “giustificazione interpretativa” medico legale, ai fini dell’applicazione dei successivi parametri risarcitori afferenti alle Tabelle di liquidazione utilizzate di prassi anche in sede extra giudiziale, col rischio di limitare – in tali sedi - le possibilità conciliative tra le Parti.

Leggi dopo

Le indagini tecniche nelle ipotesi di colpa medica

06 Febbraio 2020 | di Andrea Gentilomo

Responsabilità medica contrattuale e/o extracontrattuale

L’ingresso di conoscenze esterne al circuito strettamente giudico del processo è fonte di complessità che è stata oggetto di analisi essenzialmente nel versante penale ma i cui risultati sono agevolmente estrapolabili anche nel settore civile. In questo specifico contesto, l’Autore analizza i problemi connessi alla CTU (e anche alle consulenze svolte per le parti) in relazione alle ipotesi di colpa medica e in riferimento alle disposizioni previste dalla l. 24/2017, oltre che alla giurisprudenza.

Leggi dopo

Il fine vita. L’Italia e la Francia verso un approccio divergente dell’assistenza al suicidio

30 Gennaio 2020 | di Enrico Gruden

Danno da lesione degli altri diritti costituzionalmente garantiti

Recenti vicende, sia in Italia che in Francia, hanno portato le rispettive popolazioni, i media, le giurisdizioni e il legislatore a interrogarsi sul fine vita e, in particolare, sull’assistenza al suicidio, alla sua necessità nella società attuale e al suo inquadramento giuridico. Come vedremo in questo breve scritto, le analogie e le divergenze tra le due realtà si susseguono in maniera quasi inaspettata per poi indicare più chiaramente le strade e gli approcci che i due Paesi stanno per intraprendere nella gestione di un argomento tanto delicato quanto discusso. Nella società attuale e in uno stato di diritto presente ed evoluto, il dibattito sul suicidio assistito non è che una naturale conseguenza dell’evoluzione dei concetti legati al fine vita e alla dignità umana. Come vedremo, posizioni apparentemente simili tendono, in seguito, ad allontanarsi, guidate soprattutto da recenti decisioni del legislatore, come nel caso francese, o sancite da decisioni della Corte Costituzionale, com’è avvenuto in Italia pochi giorni fa.

Leggi dopo

Pagine