Focus

Focus

La lex loci damni al vaglio della Corte europea di giustizia nella sentenza C350/14

08 Aprile 2016 | di Luigi Paolo Comoglio

Sinistri stradali: applicazione del Regolamento Roma II

La Corte di giustizia UE, con la sentenza del 10 dicembre 2015, in causa C350/14, si è pronunciata con chiarezza – in sede di rinvio pregiudiziale – sull'interpretazione da darsi all'art. 4, comma 1, del Reg. CE n. 864/2007 (Regolamento «Roma II»), con riguardo specifico alla c.d. lex loci damni, applicabile nei conflitti di norme, fra ordinamenti diversi dell'Unione europea, in materia di obbligazioni extracontrattuali darivanti da incidente stradale. L'Autore sottopone ad analisi sia il dato letterale, sia la ratio peculiare delle norme di riferimento, al fine di giustificare razionalmente la parziale deroga che, per effetto del citato Regolamento, viene apportata al criterio generale della lex loci commissi delicti.

Leggi dopo

La distinzione garanzia propria - impropria ha ancora un senso?

04 Aprile 2016 | di Andrea Penta

Profili processuali

Il terzo può essere chiamato in causa - ai sensi dell'art. 106 c.p.c. - sia perché risponda in luogo del convenuto, sia perché venga condannato a rispondere di quanto il convenuto sarà eventualmente tenuto a prestare all'attore.

Leggi dopo

Omicidio stradale. Le novità della legge 41/2016

30 Marzo 2016 | di Luca Della Ragione

L. 23 marzo 2016, n. 41

Responsabilità da circolazione di veicoli

In data 24 marzo 2016 è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale n. 70 la legge 23 marzo 2016, n. 41 recante Introduzione del reato di omicidio stradale e del reato di lesioni personali stradali, nonché disposizioni di coordinamento al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e al decreto legislativo 28 agosto 2000, n. 274.

Leggi dopo

Danno non patrimoniale: nozione unitaria o composita?

17 Marzo 2016 | di Patrizia Ziviz

Risarcimento del danno non patrimoniale

Sulle controverse questioni trattate nel Focus del Direttore scientifico dr. Damiano Spera «Il danno non patrimoniale (biologico, morale, esistenziale) è risarcibile solo come danno da sofferenza?», Ridare ha deciso di aprire un Forum con la partecipazione di autorevoli giuristi cultori della materia. Il secondo intervento che pubblichiamo è a firma della Professoressa Patrizia Ziviz.

Leggi dopo

Il danno iure hereditatis: i presupposti ed i criteri per la determinazione e quantificazione

12 Marzo 2016 | di Ludovico Berti

Danno tanatologico

La Sezioni Unite della Cassazione (Cass., Sez. Un., 22 luglio 2015, n. 15350) hanno definitivamente negato la risarcibilità del danno cd. da morte istantanea che il soggetto patisce per la perdita della vita. Ne consegue che gli eredi sono legittimati a richiedere il risarcimento del danno iure hereditatis solo se tra evento ed exitus sia trascorso un lasso di tempo durante il quale la vittima abbia coscientemente avvertito l'approssimarsi del decesso. Si tratta di un danno non patrimoniale biologico di natura temporanea e morale, per la cui determinazione un primo orientamento giurisprudenziale si riferiva al criterio meramente temporale e cioè dando rilevanza alla durata del periodo di sofferenza, mentre successive pronunce danno maggior rilevanza all'intensità della sofferenza patita, per il cui accertamento sono stati elaborati nuovi criteri, tra i quali quello serietà del danno e dell'odiosità della condotta tenuta dal responsabile.

Leggi dopo

La Corte di Cassazione e il danno non patrimoniale

09 Marzo 2016 | di Marco Rossetti

Risarcimento del danno non patrimoniale

Sulle controverse questioni trattate nel Focus del Direttore scientifico dr. Damiano Spera "Il danno non patrimoniale (biologico, morale, esistenziale) è risarcibile solo come danno da sofferenza?", Ridare ha deciso di aprire un "Forum" con la partecipazione di autorevoli giuristi cultori della materia. Il primo intervento che pubblichiamo è a firma del dr. Marco Rossetti.

Leggi dopo

Responsabilità da cose in custodia nelle ipotesi di allagamenti o infiltrazioni nelle abitazioni ed esercizi commerciali ovvero nei condomini

03 Marzo 2016 | di Cesare Trapuzzano

Danno cagionato da cose in custodia

Qualora si verifichino allagamenti o infiltrazioni nelle abitazioni ed esercizi commerciali ovvero nei condomini, risponde dei danni provocati a terzi da tali fenomeni il proprietario, l’usufruttuario, l’enfiteuta, il possessore o il detentore qualificato che abbia la disponibilità giuridica e materiale della cosa da cui proviene l’allagamento o l’infiltrazione, poiché detta disponibilità comporta il potere-dovere di intervento sulla cosa stessa, che si esplica attraverso le facoltà di gestione ed ingerenza sul bene.

Leggi dopo

Vademecum della Suprema Corte per la corretta liquidazione del danno alla salute permanente e temporaneo

01 Marzo 2016 | di Roberta Nocella

Risarcimento del danno non patrimoniale

L’Autore prende le mosse dalla Cass., sent., n. 16788/2015, che, a suo giudizio, costituisce una sintesi dell’elaborazione giurisprudenziale in tema di danno non patrimoniale inteso come concetto giuridico unitario ex art. 2059 c.c., posto a presidio del divieto di duplicazioni risarcitorie e distinto da quello patrimoniale previsto dall’art. 2043 c.c.. La sentenza contiene, inoltre, una sorta di vademecum per il giudice del merito per procedere ad una corretta liquidazione del danno biologico.

Leggi dopo

La compensatio lucri cum damno

26 Febbraio 2016 | di Andrea Penta

Risarcimento del danno patrimoniale

La compensatio lucri cum damno non può essere elevata a principio giuridico autonomo del nostro ordinamento, quanto, piuttosto, va considerata uno strumento di analisi del danno, che può concretarsi in un criterio o in un mezzo di valutazione in via equitativa del danno stesso. In tale ottica, si inserisce nel novero di quegli strumenti che la tradizione interpretativa e dottrinale mette a disposizione del giudice nella sua funzione di liquidatore del danno in via equitativa. In questa sua veste, il giudice non assume il ruolo - non suo - di perito contabile che iscrive a bilancio le poste del danno e dell'eventuale vantaggio allo scopo di ottenerne algebricamente il risultato che corrisponde al danno effettivamente patito dal danneggiato; piuttosto, seguendo il suo prudente apprezzamento, egli valuterà il danno ed eventualmente, ove ne ricorrano i già ricordati presupposti - e cioè il vantaggio per il danneggiato e la unicità del nesso eziologico - in una prospettiva di valutazione equitativa del danno, avrà a disposizione lo strumento della compensatio lucri cum damno, allo scopo di soddisfare efficacemente la fondamentale funzione equilibratrice alla quale deve sempre tendere il risarcimento del danno.

Leggi dopo

Responsabilità civile e penale connessa alle attività sciistiche

23 Febbraio 2016 | di Paolo Mariotti , Raffaella Caminiti

Responsabilità nelle attività sportive agonistiche e non

La diffusione delle attività sportive che si praticano sulla neve, tradizionalmente durante il periodo invernale (sci di discesa nelle sue varie articolazioni, snowboard, sci di fondo, slitta, slittino, snowtubing e similari) ha fatto acquisire, nel tempo, a tali pratiche ricreative una sempre maggiore rilevanza sociale ed economica. A queste attività sono connesse responsabilità di carattere civile e penale che possono sorgere in capo ai maestri e alle scuole di sci, ai gestori degli impianti di risalita e delle piste da sci, oltre che di coloro che praticano tali sport. Si esaminano le principali norme di riferimento e, in particolare, la presunzione di pari responsabilità in caso di scontro tra sciatori, di cui all’art. 19, L. 24 dicembre 2003, n. 363.

Leggi dopo

Pagine