Focus

Focus

Limiti alla risarcibilità dei danni endofamiliari e residua specialità del diritto di famiglia

13 Gennaio 2017 | di Eugenio Mandrioli

Danno endofamiliare

La famiglia è la prima formazione sociale in cui si forma e si esprime la personalità degli individui. Essa è (o dovrebbe essere) caratterizzata da vincoli biologici e soprattutto affettivi; in essa il singolo soddisfa il suo naturale bisogno di completarsi con l’altro e di trasmettere il suo patrimonio non solo (e non necessariamente, nel caso di adozione) genetico ai figli.

Leggi dopo

Una sentenza innovativa sulla prostituzione minorile. Alla ricerca di un'effettiva tutela della vittima e dello stesso condannato

05 Gennaio 2017 | di Polidoro Riccardo, Claudia Cavaliere

Prostituzione minorile

L'imputato è condannato al risarcimento del danno subito dalla costituita parte civile, liquidato in € 1.000,00 per il danno patrimoniale e all'acquisto a suo favore di libri e film sulla storia ed il pensiero delle donne, di letteratura femminile e sugli studi di genere.

Leggi dopo

Le pratiche commerciali scorrette

21 Dicembre 2016 | di Amelia Laura Crucitti

Illeciti civili sottoposti a sanzioni pecuniarie

Le pratiche commerciali scorrette sono definite dalla direttiva n. 29/2005 e dal codice del consumo, che le qualifica come l'agire contrario alla diligenza professionale e idoneo a falsare in modo rilevante e apprezzabile il comportamento economico del consumatore medio. L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha, più volte, evidenziato che la nozione di pratica commerciale definita dal Codice del consumo non si fonda su un criterio statistico o quantitativo, bensì è comprensiva di qualsivoglia condotta che «possa essere astrattamente replicata a prescindere dal numero di soggetti che in concreto ne siano stati destinatari».Infatti, è sufficiente che il professionista di fatto sfrutti lo svantaggio negoziale del consumatore, affinché si determini la patologia del rapporto, dovuta all'inefficienza dello scambio.

Leggi dopo

Il nesso di causa nella responsabilità civile

16 Dicembre 2016 | di Ludovico Berti

Assicurazione della responsabilità civile

Negli ultimi dieci anni, la dottrina e la giurisprudenza hanno diffusamente affrontato la questione del nesso causale nella responsabilità civile, elaborando criteri diversi da quelli penali fino a quel momento adottati e più pertinenti alla verifica del collegamento eziologico nel processo finalizzato alla reintegrazione del patrimonio del danneggiato. L'obiettivo del presente approfondimento è quindi quello di analizzare i criteri civilistici di accertamento del nesso causale e quelle che oggi sono le regole che ne governano la prova.

Leggi dopo

Responsabilità del datore di lavoro per la violazione dell’obbligo di sicurezza: gli oneri di allegazione e prova

09 Dicembre 2016 | di Marco Azzoni

Responsabilità del datore di lavoro

L’obbligo di sicurezza del datore di lavoro nei confronti del lavoratore scaturisce sia dal disposto dell’art. 2087 c.c. che da una serie di precetti speciali contenuti in altre fonti normative. Per ciò che concerne, in particolare, la previsione codicistica di carattere generale, partendo dall’affermazione della natura contrattuale di tale responsabilità la giurisprudenza ha progressivamente affinato i contorni della fattispecie per ciò che riguarda i suoi elementi costitutivi, chiarendo anche alcune problematiche inerenti alla ripartizione degli oneri probatori.

Leggi dopo

Commissione di massimo scoperto ed usura

06 Dicembre 2016 | di Sebastiana Ciardo

Responsabilità della banca

La nota sentenza della Cassazione, n. 12965/2016, traendo spunto dal contrasto esistente in seno alla giurisprudenza di merito, sulla natura innovativa o interpretativa della l. 2/2009 regolativa della Commissione di Massimo Scoperto e sulla sua applicabilità anche per i rapporti pregressi all'anno 2009 ai fini della verifica dell'usurarietà del costo del finanziamento, ha affermato una serie di importanti principi ed ha preso posizione optando per la natura innovativa e come tale applicabile solo ai contratti stipulati in data successiva al 2009. L'Autrice, pone in luce le diverse tesi che hanno animato il dibattito sia prima dell'intervento del Giudice di legittimità sia subito dopo, con una prima sentenza emessa dal Trib. di Palermo, sez. V civ., del 14 luglio 2016 n. 4218 che si discosta da tale indirizzo confermando la tesi alternativa della natura interpretativa della norma.

Leggi dopo

Fondo patrimoniale ed illecito aquiliano

30 Novembre 2016 | di Giuseppe Fiengo

Risarcimento del danno patrimoniale

Il contributo esamina il tema dell'aggredibilità dei beni oggetto di fondo patrimoniale da parte del titolare del diritto al risarcimento del danno derivante da illecito aquiliano; questione che, anche a causa di una non felice formulazione dell'art. 170 c.c., ha determinato l'emersione di un contrasto tra la giurisprudenza di legittimità ed una parte della giurisprudenza di merito. Ricostruiti i profili generali dell'istituto disciplinato a partire dall'art. 167 c.c. con particolare riferimento al regime generale di pignorabilità dei beni del fondo, l'autore analizza gli orientamenti emersi con riferimento alla questione specificamente esaminata e, valorizzata la natura eccezionale dell'art. 170 c.c., giunge a ritenere preferibile la soluzione (attualmente minoritaria) che assicura al danneggiato da illecito aquiliano la possibilità di trovare piena soddisfazione del proprio diritto sui beni ed i frutti del fondo.

Leggi dopo

Danni da naufragio in crociera: la sentenza d’appello nel caso Costa Concordia

25 Novembre 2016 | di Marco Bona

Danno morale

La sentenza penale della Corte di Appello di Firenze, intervenuta in relazione al naufragio della Costa Concordia, aggiunge, rispetto al Tribunale di Grosseto, ulteriori indicazioni in ordine alla liquidazione dei danni da “mass torts” in vacanza. La Corte conferma il risarcimento del «danno morale aggravato dalla condotta» quale posta autonoma rispetto ai pregiudizi biologici di ordine psichico. Inoltre, dichiara la sicura risarcibilità del pregiudizio da vacanza rovinata accanto alle altre voci di danno non patrimoniale.

Leggi dopo

La responsabilità negli incidenti di caccia

22 Novembre 2016 | di Giacomo Nicolucci

Esercente attività pericolose

Gli incidenti nell'attività di caccia assommano una diversità di aspetti - che vanno dalla diligenza nell'impiego delle armi, alle minime cognizioni di balistica, al rispetto delle regole del prelievo venatorio - in grado di riverberarsi su molti profili di responsabilità ed abbisognano di schemi paradigmatici differenti di valutazione. Lo scritto intende offrire un panorama di situazioni e conoscenze preliminari che si offrono all'interprete per un orientamento nella congerie di situazioni possibili.

Leggi dopo

L’assicurazione dei danni da catastrofe naturale

15 Novembre 2016 | di Cinzia Altomare

Assicurazione contro i danni

All’indomani di ogni calamità naturale che colpisca il nostro paese si torna a discutere sulla “assicurabilità” delle catastrofi e sulla loro sostenibilità economica per le già deboli finanze dello Stato, ovvero sulla possibilità che il Governo imponga ai cittadini di condividerne l’onere, acquistando coperture assicurative in grado di mitigare anche solo parzialmente gli effetti materiali di queste tragedie.

Leggi dopo

Pagine