Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Danno da lesione del diritto all'immagine, alla reputazione, all’onore e al decoro della persona fisica e giuridica

Licenziamento del pubblico dipendente gay che si prostituisce in rete: un caso di discriminazione?

21 Ottobre 2016 | di Andrea Ferrario

Cass. civ.

Danno da lesione del diritto all'immagine, alla reputazione, all’onore e al decoro della persona fisica e giuridica

Non può ritenersi connotato da intento discriminatorio il licenziamento per giusta causa del pubblico dipendente che offre prestazioni sessuali a pagamento su siti internet laddove risulti in modo inequivoco dalla ragione giustificativa addotta che il recesso dell'ente abbia sanzionato, non già l'orientamento sessuale e le scelte personali del dipendente, ma l'attività prostitutiva in sé.

Leggi dopo

La condanna generica al risarcimento del danno all’immagine presuppone la prova della condotta illecita

10 Febbraio 2016 | di Antonio Scalera

Trib. Milano

Danno da lesione del diritto all'immagine, alla reputazione, all’onore e al decoro della persona fisica e giuridica

La condanna generica al risarcimento del danno all’immagine presuppone che sia data la prova di una condotta illecita, non potendosi individuare la responsabilità aquiliana solo nella risonanza delle indagini penali in corso.

Leggi dopo

Associazioni, fondazioni e risarcibilità del danno non patrimoniale

22 Settembre 2015 | di Luigi Isolabella , Angela Quatraro

Trib. Treviso

Danno da lesione del diritto all'immagine, alla reputazione, all’onore e al decoro della persona fisica e giuridica

Potrà agire per il risarcimento del danno non patrimoniale in base all'oggettività dell'offesa, l'ente che subisca una lesione al proprio onore, reputazione o immagine commerciale, beni immateriali di per sé suscettibili di apprezzamento, indipendentemente da una loro valutazione in termini patrimoniali, essendo la liquidazione di tale nocumento autonoma rispetto alla verificazione di conseguenze finanziarie negative. L'accertamento della lesione a determinate posizioni attinenti alla stessa sfera della persona (anche giuridica), quali la reputazione e l'immagine commerciale, determina in re ipsa anche l'accertamento di un danno risarcibile.

Leggi dopo

Diffamazione di un magistrato in un esposto: diritto di critica dell’attività giudiziaria e risarcimento del danno non patrimoniale

02 Febbraio 2015 | di Martina Flamini

Danno da lesione del diritto all'immagine, alla reputazione, all’onore e al decoro della persona fisica e giuridica

Nel contemperamento tra libertà di opinione e attività giurisdizionale deve ritenersi consentita una critica, anche aspra e polemica, a fronte di decisioni opinabili, purché essa non trasmodi in un attacco personale e gratuito alla dignità umana e professionale, alla reputazione e alla stima di cui gode il magistrato nel proprio ambiente di lavoro. Affermare che il magistrato rappresenta un elemento di pericolo per la giustizia italiana e che la sua attività è funzionale ad interessi solo di alcune categorie di persone implica la radicale negazione del suo ruolo istituzionale ed esprime di per sé una valenza diffamatoria. Il danno risarcibile deve ritenersi sussistente in re ipsa e lo stesso può essere ristorato senza che incomba sul danneggiato l’onere di fornire la prova della sua esistenza, appartenendo esso alla regolarità causale in ragione della stessa natura del fenomeno in considerazione.

Leggi dopo

Danno all’immagine e alla reputazione da inadempimento dell’avvocato

27 Gennaio 2015 | di Antonio Scalera

Danno da lesione del diritto all'immagine, alla reputazione, all’onore e al decoro della persona fisica e giuridica

“L’avvocato che non informa il cliente della possibilità di raggiungere un accordo stragiudiziale non adempie in modo diligente alle obbligazioni sul medesimo gravanti e risponde dei danni anche non patrimoniali che ne siano derivati (quali, ad esempio, quello da lesione dell’immagine e della reputazione conseguito al pignoramento del conto corrente bancario)”.

Leggi dopo