Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Danno differenziale patrimoniale e non patrimoniale

Morte del familiare e pensione di reversibilità: non c'è spazio per la compensatio lucri cum damno

22 Maggio 2020 | di Francesco Agnino

Cass. civ.

Danno differenziale patrimoniale e non patrimoniale

La compensatio lucri cum damno opera nel caso di erogazione di prestazioni di reversibilità?

Leggi dopo

La rendita INAIL in favore dei congiunti non può essere defalcata dal risarcimento del danno non patrimoniale spettante ai medesimi soggetti

28 Gennaio 2020 | di Andrea Ferrario

Cass. civ.

Danno differenziale patrimoniale e non patrimoniale

L'assicuratore sociale può surrogarsi nei confronti delle persone civilmente responsabili dell'infortunio mortale occorso al lavoratore solo in riferimento ai crediti della vittima aventi ad oggetto il risarcimento dei danni coperti da parte dell'assicuratore sociale.

Leggi dopo

Interessi compensativi, rivalutazione degli importi già percepiti dal danneggiato, individuazione dei criteri di calcolo applicati

18 Dicembre 2019 | di Marina Penco

Cass. civ.

Danno differenziale patrimoniale e non patrimoniale

Quali implicazioni derivano dall’effetto sostitutivo della sentenza d’appello rispetto alla pronuncia di primo grado? Quali criteri devono essere rispettati dalla Corte e come devono essere enunciati laddove confermi integralmente o riformi parzialmente la decisione di primo grado?

Leggi dopo

Il danno differenziale dopo la legge di bilancio 2019: applicazione temporale delle nuove norme e infondati sospetti di illegittimità

10 Maggio 2019 | di Giuseppe Chiriatti

Cass. civ.

Danno differenziale patrimoniale e non patrimoniale

La sentenza in oggetto guadagna a pieno a titolo gli onori della cronaca, disponendo che le modifiche apportate dalla Legge di Bilancio 2019 al d.P.R. 1924/1965 non possono trovare applicazione retroattiva. Deve comunque escludersi che le nuove norme (ivi compresa la modifica del comma 2 dell'art. 142 cod. ass.) si pongano in contrasto con i principi espressi dalla giurisprudenza costituzionale in materia di regresso/surroga, atteso che - a far data dal 2000 - la copertura obbligatoria INAIL indennizza (peraltro in misura prevalente) anche il danno biologico e che, anche a fronte dell'applicazione delle nuove regole, nessun pregiudizio monetario può infine residuare in capo al lavoratore danneggiato.

Leggi dopo

L'indennizzo Inail non pregiudica il risarcimento del danno biologico differenziale

15 Aprile 2016 | di Andrea Rossi

Cass. civ.

Danno differenziale patrimoniale e non patrimoniale

La differenza strutturale e funzionale tra l'erogazione Inail ex art. 13 D.Lgs. n. 38/2000 ed il risarcimento del danno biologico preclude di poter ritenere che le somme eventualmente a tale titolo versate dall'istituto assicuratore possano considerarsi integralmente satisfattive del diritto al risarcimento del danno biologico in capo al soggetto infortunato od ammalato, nel senso che esse devono semplicemente detrarsi dal totale del risarcimento spettante al lavoratore.

Leggi dopo

La rendita indennitaria INAIL comprensiva del danno biologico e del danno alla capacità lavorativa generica, va dedotto dal calcolo del danno differenziale

10 Settembre 2014 | di Rodolfo Berti

Danno differenziale patrimoniale e non patrimoniale

Il danno differenziale deve essere determinato sottraendo dal risarcimento del danno complessivo, liquidato secondo i criteri civilistici, quello delle prestazioni liquidate dall’INAIL, considerato l’indennizzo medesimo come un ristoro unitario, comprensivo della lesione patrimoniale, onde impedire che il danneggiato percepisca un ingiustificata locupletazione.

Leggi dopo