Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Assicurazione obbligatoria per veicoli a motore e natanti

Natura vessatoria della clausola di risarcimento in forma specifica-garanzia RCA

18 Settembre 2017 | di Cristiano De Giovanni

Trib. Torino

Assicurazione obbligatoria per veicoli a motore e natanti

La clausola risarcimento in forma specifica-garanzia RCA integra una restrizione alla libertà contrattuale nei rapporti con i terzi.

Leggi dopo

La falsità del certificato assicurativo non è opponibile al terzo danneggiato

23 Dicembre 2016 | di Antonio Scalera

Cass. civ.

Assicurazione obbligatoria per veicoli a motore e natanti

In caso di certificato assicurativo falsamente retrodatato, gli atti dell'intermediario producono effetti direttamente nei confronti dell'assicuratore e sono a lui imputabili.

Leggi dopo

La richiesta di risarcimento dei danni inoltrata all'assicuratore, atti equipollenti e proponibilità dell'azione risarcitoria

25 Febbraio 2016 | di Rosalia Calandrino

Cass. civ.

Assicurazione obbligatoria per veicoli a motore e natanti

Nell'ambito di un giudizio avente ad oggetto il risarcimento dei danni derivanti da sinistro stradale, anche la proponibilità della domanda riconvenzionale è condizionata dalla previa richiesta di risarcimento del danno inoltrata dal danneggiato alla Compagnia assicuratrice, ai sensi dell'art. 145 Cod. Ass..

Leggi dopo

La realtà socio-economica nella quale vive il danneggiato è irrilevante ai fini della liquidazione del danno

23 Ottobre 2015 | di Vincenzo Papagni

Cass. civ.

Assicurazione obbligatoria per veicoli a motore e natanti

La realtà socio-economica nella quale vive il soggetto danneggiato da un fatto illecito ed in cui la somma da liquidare è presumibilmente destinata ad essere spesa è del tutto irrilevante ai fini della liquidazione del danno aquiliano, atteso che si tratta di un elemento estraneo all’ambito dell’illecito e che – ove venisse considerato – determinerebbe una irragionevole disparità di trattamento ed una lesione del principio di integralità del risarcimento.

Leggi dopo

Il contratto di assicurazione «cinque giorni»

15 Luglio 2015 | di Mauro Di Marzio

Cass. civ.

Assicurazione obbligatoria per veicoli a motore e natanti

Anche nel caso di contratti di assicurazione della durata di cinque giorni stipulati da commercianti, concernenti veicoli usati posti in circolazione ai fini della vendita, per prova, collaudo o dimostrazione, trova applicazione il principio secondo cui, una volta rilasciato il certificato e il contrassegno di assicurazione, ciò che rileva per la promovibilità dell'azione diretta nei confronti dell'assicuratore è esclusivamente l'autenticità di essi e non la validità del rapporto assicurativo

Leggi dopo

Il danno causato dall’utilizzo del braccio meccanico di una macchina operatrice rientra nella garanzia della RCA

15 Maggio 2015 | di Filippo Rosada

Cass. civ.

Assicurazione obbligatoria per veicoli a motore e natanti

La copertura assicurativa nell’ambito della RC Auto deve riguardare tutte le attività cui il veicolo è destinato e per cui lo stesso circola su strada di uso pubblico o su area equiparata. Infatti, l'art. 1 L. n. 990/1969 (al pari dell'art. 122, D.Lgs. n. 209/2005), nell'individuare l'oggetto dell'assicurazione per la R.C.A., si esprime nel senso di correlare l'obbligo assicurativo all'essere stato il veicolo posto in circolazione su strade di uso pubblico o su aree a questa equiparate, ma non prevede come presupposto per l'obbligo assicurativo e, quindi, per l'operare della relativa garanzia, che il veicolo sia utilizzato in un certo modo piuttosto che in un altro.

Leggi dopo

Azione contro il vettore aereo e termine biennale convenzionale: prescrizione o decadenza?

14 Aprile 2015 | di Marco Bona

Trib. Milano

Assicurazione obbligatoria per veicoli a motore e natanti

In materia di responsabilità del vettore aereo per il trasporto di merci il termine biennale recato dall’art. 29 della Convenzione di Varsavia del 12 ottobre 1929 costituisce una decadenza, a cui non è applicabile la sospensione feriale di cui alla Legge 7 ottobre 1969 n. 742; esso decorre non già dal giorno della messa a disposizione della merce, bensì dall’arrivo a destinazione o dal giorno in cui l’aeromobile avrebbe dovuto arrivare o da quello in cui il trasporto fu interrotto.

Leggi dopo

Sinistro accaduto nel periodo indicato dal certificato di assicurazione: quid iuris in caso di mancato pagamento del premio?

31 Marzo 2015 | di Mauro Di Marzio

Cass. civ.

Assicurazione obbligatoria per veicoli a motore e natanti

Il danneggiato da sinistro stradale non è tenuto ad effettuare accertamenti circa il pagamento del premio assicurativo, facendo fede per lui il certificato esposto, in quanto il rilascio di tale certificato ha efficacia costitutiva del diritto risarcitorio del danneggiato stesso, nei diretti confronti dell'assicuratore: ciò che rileva infatti è l'autenticità del contrassegno e non la validità del rapporto assicurativo.

Leggi dopo

La rilevanza delle dichiarazioni inesatte e reticenti nella conclusione del contratto di assicurazione contro il furto

02 Marzo 2015 | di Ludovico Berti

Assicurazione obbligatoria per veicoli a motore e natanti

Laddove, in sede di stipula del contratto, l’assicurato abbia omesso di dichiarare che i negozi che andava ad assicurare contro il furto erano stati in precedenza oggetto di simili sinistri, perde di rilevanza, ai fini dell’applicazione dell’art. 1892 c.c., che l’assicuratore non gli abbia sottoposto il questionario, attesa l’evidente rilevanza della circostanza taciuta ai fini della determinazione del rischio assicurato.

Leggi dopo