Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Rilevanza della colpa nelle azioni risarcitorie da denuncia infondata. Spunti per un ripensamento

14 Febbraio 2017 | di Salvatore Ferrara

App. Milano

Danno da lesione degli altri diritti costituzionalmente garantiti

La denuncia di un reato perseguibile d'ufficio non è fonte di responsabilità per danni a carico del denunciante, ai sensi dell'art. 2043 c.c., anche in caso di proscioglimento o di assoluzione, se non quando essa possa considerarsi calunniosa.

Leggi dopo

Il danno da occupazione abusiva di immobile: an e quantum del risarcimento

13 Febbraio 2017 | di Vincenzo Papagni

Cass. civ.

Risarcimento del danno da lesione del diritto di proprietà

Il danno da occupazione abusiva di immobile non può ritenersi sussistente in re ipsa e coincidente con l'evento, che è viceversa un elemento del fatto produttivo del danno, ma, ai sensi degli artt. 1223 e 2056 c.c., si tratta di un danno-conseguenza.

Leggi dopo

Social network e responsabilità: attenzione a non rendere pubblica una relazione extraconiugale prima della separazione legale

08 Febbraio 2017 | di Ilenia Alagna

Trib. Torre Annunziata

Responsabilità del provider

Il nostro comportamento nelle community virtuali può avere ripercussioni di natura legale: la giurisprudenza presta sempre maggior attenzione alle condotte virtuali di marito e moglie in crisi.

Leggi dopo

È meritevole di tutela la clausola claims made con due anni di pregressa e postuma di un anno

07 Febbraio 2017 | di Paolo Mariotti , Raffaella Caminiti

App. Torino

Clausola claims made

Quando è meritevole di tutela la clausola claims made cd. «impura», che estende l’efficacia della garanzia assicurativa alle condotte colpose poste in essere nei due anni antecedenti alla stipula della polizza?

Leggi dopo

Giudizio di ottemperanza: onere probatorio relativo alla contestuale domanda risarcitoria

03 Febbraio 2017 | di Ilvio Pannullo

TAR Sicilia-Catania

Risarcimento del danno da immissioni

Onere dei ricorrenti, nell'agire in giudizio per l'ottemperanza di una sentenza definitiva del G.O. correttamente notificata alla P.A., è provvedere a distinguere tra danni anteriori al giudicato e danni successivi.

Leggi dopo

Danno catastrofale: da quando sussiste la consapevolezza dell’imminente morte?

01 Febbraio 2017 | di Filippo Rosada

Trib. Firenze

Danno catastrofale

Ai fini del riconoscimento del danno catastrofale, il momento dal quale prendere in esame la sussistenza o meno della consapevolezza della vittima dell’imminente morte non deve essere necessariamente l’attimo in cui si concretizzano le lesioni a causa delle quali cesserà la vita.

Leggi dopo

Il Tribunale di Genova e la polizza infortuni (non mortali): indennizzo e risarcimento si cumulano?

30 Gennaio 2017 | di Daniela Zorzit

Trib. Genova

Assicurazione contro i danni

L'assicuratore può legittimamente rifiutare il pagamento dell'indennizzo dovuto in forza della polizza infortuni nella misura in cui..

Leggi dopo

È davvero insanabile il mancato esperimento del tentativo obbligatorio di conciliazione davanti al Co.Re.Com.?

27 Gennaio 2017 | di Antonino Barletta

Trib. Milano

Profili processuali

Non può essere sanato il vizio conseguente al mancato compimento del tentativo di conciliazione davanti al Co.Re.Com. in ottemperamento alla condizione di proponibilità della domanda stabilita dalla legge per le controversie tra consumatore e gestore di servizi di comunicazione elettronica.

Leggi dopo

Incompleta compilazione della cartella clinica: incertezze sul nesso di causa con il danno subito dal paziente ed onere della prova

25 Gennaio 2017 | di Cristina Lombardo

Trib. Milano

Onere di allegazione e prova del danno patrimoniale e non patrimoniale

In tema di responsabilità sanitaria, la cartella clinica costituisce valenza principe in ordine alla ricostruzione dei fatti; la sua lacunosa compilazione ..

Leggi dopo

La condotta colposa dell’incapace può escludere il nesso di causalità?

20 Gennaio 2017 | di Francesco Agnino

Cass. civ.

Danno alla persona

In caso di danni subiti dal soggetto incapace, a quali condizioni la condotta colposa dell’incapace è in grado di elidere il nesso di causalità per il fatto del terzo?

Leggi dopo

Pagine