Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Applicabilità e limiti del principio della c.d. compensatio lucri cum damno

29 Maggio 2018 | di Marco Rodolfi

Cass. civ.

Danno differenziale

Analisi congiunta delle pronunce a Sezioni Unite in tema di compensatio lucri cum damno nn. 12565/12566/12567 del 22 maggio 2018 : essa può operare come regola generale del diritto civile ovvero in relazione soltanto a determinate fattispecie?

Leggi dopo

Sentenza penale che dichiara estinto il reato e che statuisce sugli interessi civili: e nel giudizio civile di danno?

25 Maggio 2018 | di Filippo Rosada

Cass. civ.

Giudicato penale e risarcimento del danno

La sentenza penale che in primo grado ha deciso anche per la condanna generica al risarcimento del danno, riformata in secondo grado con statuizione di non doversi procedere per estinzione del reato e conferma della condanna generica, svolge i suoi effetti nel successivo giudizio civile di danno, con preclusione di una nuova valutazione sull’”an debeatur”?

Leggi dopo

Nascita indesiderata: anche il padre ha diritto al risarcimento del danno?

23 Maggio 2018 | di Giampaolo Di Marco

Cass. civ.

Danno da nascita indesiderata

Fino a che punto il medico, quando riceve dalla sola madre l’incarico di compiere degli accertamenti clinici sul feto, può individuare nell’uomo una potenziale vittima delle sue ipotetiche inottemperanze, tanto più se il danno derivi dall’impossibilità per la gestante di ricorrere all’aborto?

Leggi dopo

Danno alla persona: voci di danno riconoscibili e liquidabili

18 Maggio 2018 | di Cristiano De Giovanni

Cass. civ.

Danno alla persona

Quali sono le voci di danno non patrimoniali qualificabili e risarcibili secondo il consolidato insegnamento della giurisprudenza di legittimità all’esito delle pronunce del 2008?

Leggi dopo

Lesioni di lieve entità: conflitto tra i criteri liquidatori previsti dal riformato art. 139 cod. ass. e quelli del D.M. 17 luglio 2017

16 Maggio 2018 | di Daniele Moro

Trib. Milano

Liquidazione danno non patrimoniale per lesioni micro permanenti

Il risarcimento del pregiudizio all’integrità psicofisica per lesioni di lieve entità, derivanti da sinistri conseguenti alla circolazione di veicoli a motore e di natanti, deve essere effettuato alla luce dei valori monetari indicati dall’art. 139 cod. ass. ovvero sulla base di quelli previsti dal D.M. 17 luglio 2017?

Leggi dopo

Lesione alla integrità psicofisica e personalizzazione del risarcimento

11 Maggio 2018 | di Francesco Agnino

Cass. civ.

Onere di allegazione e prova del danno patrimoniale e non patrimoniale

In caso di invalidità permanente le condizioni per procedere alla personalizzazione del risarcimento del danno devono essere allegate?

Leggi dopo

Caduta da cavallo della proprietaria dell’animale: il centro ippico non risponde dei danni

09 Maggio 2018 | di Antonio Scalera

Cass. civ.

Danno cagionato da animali

Della caduta da cavallo, di proprietà della medesima danneggiata, può essere chiamato a rispondere il centro ippico presso il quale ella stava svolgendo un’esercitazione?

Leggi dopo

Legittimazione passiva dell’azione di risarcimento danni da black out del servizio di energia elettrica

07 Maggio 2018 | di Stefano Parma

Cass. civ.

Danno non patrimoniale da inadempimento contrattuale (in generale)

I soggetti che svolgono la gestione della rete e delle attività di trasporto dell'energia sono da considerarsi “ausiliari” dell’ente che si occupa della mera compravendita di energia elettrica? Il venditore di tale servizio è pertanto responsabile anche del disservizio della rete di trasmissione dell’energia in ragione del disposto di cui all’art. 1228 c.c.?

Leggi dopo

Danno da perdita di chances e danno biologico possono coesistere? Quale riparto dell’onere della prova?

03 Maggio 2018 | di Filippo Rosada

Cass. civ.

Danno da perdita di chance patrimoniale e non patrimoniale

In ipotesi di danno da omessa diagnosi e cura di una malattia poi cronicizzatasi, può coesistere il danno da perdita di chances con il danno biologico e morale?

Leggi dopo

Se il guard-rail rispetta le prescrizioni di legge, il custode non risponde dei danni

02 Maggio 2018 | di Gianluca Cascella

Cass. civ.

Danno cagionato da cose in custodia

Sussistenza o meno della responsabilità del custode nel caso in cui le misure di protezione adottate lungo una determinata strada, assoggettata al controllo ed al potere di intervento di tale soggetto, pur se rispettose della normativa all’epoca vigente, si siano rivelate insufficienti ad evitare un tragico evento.

Leggi dopo

Pagine