Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Danno cagionato a terzi da reato del proprio dipendente, commesso per fini egoistici e non istituzionali: la rc si estende comunque alla P.A. di appartenenza

30 Luglio 2019 | di Ilvio Pannullo

Cass. civ.

Responsabilità della P.A.

La responsabilità del danno cagionato a terzi dal pubblico dipendente che commette un reato per realizzare un fine personale può essere estesa alla PA di appartenenza?

Leggi dopo

Oltraggio a Pubblico Ufficiale e diffamazione aggravata dall’utilizzo di un Social Network

29 Luglio 2019 | di Ilenia Alagna

Trib. Pavia

Risarcimento del danno da diffamazione

Dare del maleducato e dell’ignorante all’ufficiale dell’Anagrafe integra gli estremi della fattispecie penale dell’oltraggio a Pubblico Ufficiale? Cosa succede se l’offesa viene pubblicata sui Social Network?

Leggi dopo

Morte di minore nella piscina condominiale: rispondono il Condominio, la Ditta manutentrice ed il genitore

26 Luglio 2019 | di Marina Penco

App. Brescia

Responsabilità del condominio nei confronti dei condomini e dei terzi

E’ qualificabile come imprudente, negligente e pertanto colpevole la mancata messa in sicurezza della piscina condominiale ascrivibile a responsabilità del Condominio e della Ditta manutentrice.

Leggi dopo

Danni da cose in custodia ed interruzione del nesso causale per condotta imprudente del danneggiato

25 Luglio 2019 | di Francesco Agnino

Cass. civ.

Danno cagionato da cose in custodia

In tema di danni da cose in custodia quando il caso fortuito interrompe il nesso di causalità?

Leggi dopo

Le finalità egoistiche della condotta del dipendente pubblico

23 Luglio 2019 | di Amelia Laura Crucitti

Cass. civ.

Responsabilità della P.A.

La responsabilità civile della P.A. rileva sempre per i fatti illeciti dei propri dipendenti? La condotta illecita del dipendente realizzata per finalità esclusivamente personali è riferibile all’Amministrazione?

Leggi dopo

L’azione risarcitoria del terzo trasportato e il litisconsorzio necessario

18 Luglio 2019 | di Filippo Rosada

Trib. Milano

Azione del terzo trasportato

In tema di azione ex art. 141 cod. ass. sussista il litisconsorzio necessario con il proprietario del veicolo che ha causato il sinistro, oppure, se l’unico soggetto legittimato passivo sia l’assicuratore del vettore?

Leggi dopo

Morte sopravvenuta del danneggiato per cause indipendenti dal fatto oggetto del giudizio e liquidazione del danno biologico

15 Luglio 2019 | di Cristiano De Giovanni

Cass. civ.

Risarcimento del danno non patrimoniale

In caso di decesso della vittima per fatti indipendenti da quello lesivo oggetto del giudizio secondo quali parametri temporali deve essere liquidato il danno biologico patito dalla persona deceduta?

Leggi dopo

Procedimento amministrativo di liquidazione delle prestazioni Inail e decorso della prescrizione. Le Sezioni Unite fanno chiarezza

12 Luglio 2019 | di Andrea Ferrario

Cass. civ.

Prescrizione del diritto al risarcimento del danno

Accanto all’effetto sospensivo per 150 giorni complessivi, la domanda di prestazione all’Inail acquista anche un effetto conservativo che perdura fino all’esito del procedimento amministrativo?

Leggi dopo

Rischio di recidiva relativo a infezione potenzialmente mortale: come liquidare il danno?

10 Luglio 2019 | di Patrizia Ziviz

Cass. civ.

Responsabilità medica contrattuale e/o extracontrattuale

In caso di malpractice medica che abbia cagionato un’infezione osteomielitica, l’ineliminabile permanenza nell’organismo del paziente del batterio – tale da determinare un rischio di recidiva con esito potenzialmente letale – va considerata fonte di un autonomo danno biologico oppure rappresenta elemento di personalizzazione del danno biologico complessivamente patito dalla vittima?

Leggi dopo

Caduta da scala a pioli all’interno del cimitero: doveri del danneggiato e caso fortuito in occasione dell’evento di danno da cosa in custodia

08 Luglio 2019 | di Andrea Salomoni

Cass. civ.

Danno cagionato da cose in custodia

L'utilizzatore di una cosa sottoposta all’altrui custodia, nonostante la responsabilità di carattere oggettivo disciplinata dall’art. 2051 c.c., ha il dovere di rapportarsi con la medesima adottando ogni cautela normalmente attesa e prevedibile in rapporto alle circostanze?

Leggi dopo

Pagine