Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

La responsabilità del commercialista, il suo inadempimento all’incarico affidatogli e la prova del danno

12 Dicembre 2014 | di Roberta Nocella

Responsabilità del commercialista

Anche se è provato sia il conferimento dell’incarico di gestire la contabilità di una società, sia che il commercialista aveva omesso di procedere al deposito telematico della dichiarazione annuale IVA, non è possibile condannare quest’ultimo al risarcimento richiesto dalla società attrice quantificandolo sulla base delle cartelle esattoriali notificate dall’Erario, ove il professionista (su delega dell’assistito) abbia impugnato le stesse ed il procedimento sia pendente in Cassazione, senza che la società contribuente abbia versato importi all’amministrazione tributaria e la parte attrice non abbia adempiuto all’onere probatorio avente ad oggetto almeno la presunzione di definitività del recupero credito da parte di quest’ultima.

Leggi dopo

La natura della responsabilità civile del medico che cura all'interno di strutture pubbliche

10 Dicembre 2014 | di Luca Minniti

Responsabilità extracontrattuale nella “legge Balduzzi”

In tema di responsabilità civile sanitaria il tenore dell’art. 3 comma 1 della legge Balduzzi non consente di ritenere che la responsabilità del medico, per condotte interne a struttura pubblica, sussista solo in presenza di tutti gli elementi dell’illecito aquiliano perché tale distinzione non è ricavabile dal tenore della norma che ha ad oggetto esclusivo l’esimente penale della colpa lieve per gli esercenti professioni sanitarie senza distinzione tra sanità pubblica e privata.

Leggi dopo

La vessatorietà delle clausole Claims made la decide il giudice

09 Dicembre 2014 | di Massimiliano Naso

Clausola claims made

Il contratto di assicurazione della responsabilità civile con clausola cosiddetta “a richiesta fatta” (claims made) non rientra nella fattispecie tipica prevista dall’art. 1917 c.c., ma costituisce un contratto atipico, generalmente lecito ex art. 1322 c.c.. Spetta al giudice di merito accertare, caso per caso, se la clausola "a richiesta fatta", riducendo l'ambito oggettivo della responsabilità dell'assicuratore, fissato dall'art. 1917 c.c., configuri una clausola vessatoria ai sensi dell'art. 1341 c.c.

Leggi dopo

La P.A. deve risarcire la chance persa se si identifica con la mancata possibilità di conseguire un risultato utile

04 Dicembre 2014 | di Amelia Laura Crucitti

Danno da perdita di chance patrimoniale e non patrimoniale

Il danno risarcibile dalla P.A a titolo di responsabilità precontrattuale in relazione alla mancata stipula di un contratto d’appalto o in relazione all’invalidità dello stesso, comprende le spese sostenute dall’impresa per aver partecipato alla gara (danno emergente), ma anche la perdita di ulteriori occasioni di stipulazione di altri contratti altrettanto o maggiormente vantaggiosi, impedite dalle trattative indebitamente interrotte (lucro cessante). Il criterio per l’accertamento del danno da perdita di chance è quello del «più probabile che non», elaborato dalla giurisprudenza della Cassazione.

Leggi dopo

Limiti di risarcibilità del danno da lesione e perdita dell’animale da affezione

02 Dicembre 2014 | di Eloisia Minolfi

Danno da perdita di animale d'affezione

Il danno morale da perdita dell’animale da affezione va riconosciuto quando concorrano gli estremi del reato; il danno non patrimoniale è risarcibile una volta accertata la rilevanza penale della condotta del convenuto e se il fatto illecito abbia reciso e turbato il rapporto interattivo-affettivo tra proprietario e animale. Il risarcimento del danno patrimoniale non può avere a parametro di valutazione il solo valore economico del bene. Il proprietario troverà il limite al risarcimento del danno patrimoniale nei danni che non costituiscono conseguenza immediata e diretta del fatto e in quelli che potevano essere evitati dal creditore usando l'ordinaria diligenza. (Trib. Milano, Sez. X, sent., 1 luglio 2014, n. 8698).

Leggi dopo

Inadempimento del professionista e diritto al compenso

28 Novembre 2014 | di Rosaria Giordano

Responsabilità dell'avvocato

“Nel caso di errore professionale che abbia reso del tutto inutile l’attività professionale, tale da dover ritenere la prestazione totalmente inadempiuta e improduttiva di effetti nei confronti del cliente, ne deriva la conseguenza della simmetrica perdita, da parte del professionista, del diritto a percepire il compenso”.

Leggi dopo

Il risarcimento del danno per la morte del figlio: danno biologico iure hereditatis e danno non patrimoniale iure proprio

26 Novembre 2014 | di Lorenzo Vismara

Danno tanatologico

In tema di danno da perdita della vita, nel caso in cui intercorra un apprezzabile lasso di tempo tra le lesioni colpose e la morte causata dalle stesse, è configurabile un danno biologico risarcibile, da liquidarsi in relazione alla menomazione della integrità fisica patita dal danneggiato sino al decesso. Tale danno, qualificabile come danno “biologico terminale”, dà luogo ad una pretesa risarcitoria, trasmissibile “iure hereditatis”, da commisurare soltanto all'inabilità temporanea, adeguando tuttavia la liquidazione alle circostanze del caso concreto ossia al fatto che, se pur temporaneo, tale danno è massimo nella sua intensità ed entità, tanto che la lesione alla salute non è suscettibile di recupero ed esita, anzi, nella morte.

Leggi dopo

L'intervento dell'assicuratore del danneggiato nelle cause promosse contro l'assicuratore del responsabile

24 Novembre 2014 | di Mauro Di Marzio

Azione diretta

Nella causa di risarcimento da sinistro stradale promossa dal danneggiato contro l'assicuratore del responsabile, quando ricorrono i presupposti per l’applicazione della procedura di risarcimento diretto, è inammissibile l'intervento volontario dell'assicuratore del danneggiato.

Leggi dopo

Morte conseguita alle lesioni dopo 83 giorni: agli eredi va liquidato il danno biologico permanente

21 Novembre 2014 | di Mauro Di Marzio

Danno biologico permanente

Nel caso di morte conseguita dopo 83 giorni alle lesioni riportate dalla vittima di un sinistro stradale, al fine di evitare la disparità di trattamento che altrimenti si verificherebbe nei confronti di chi, dopo aver riportato un danno permanente, sopravviva, si deve riconoscere agli eredi del defunto il danno biologico permanente da quest’ultimo patito, parametro però non alla vita media bensì all’effettivo periodo di vita che la vittima ha vissuto dopo il sinistro.

Leggi dopo

Giudicato penale ed autonomia del giudice civile ai fini della graduazione di responsabilità

21 Novembre 2014 | di Luigi Levita

Giudicato penale e risarcimento del danno

“Se il giudice civile è vincolato dall'accertamento dei fatti come ricostruiti in sede penale a seguito di istruttoria, in ogni caso la valutazione di essi ai fini della graduazione della responsabilità resta demandata al libero apprezzamento del giudice civile”. “Non può essere liquidato il danno c.d. catastrofale - inteso come danno morale connesso con la consapevolezza della prossimità ed inevitabilità dell'exitus, laddove il danneggiato sia caduto in coma irreversibile nell'immediatezza dell’evento”.

Leggi dopo

Pagine