News

News

Liquidazione del danno biologico per contagio da virus HCV e successiva morte del paziente

21 Novembre 2019 | di Redazione Scientifica

Danno da emotrasfusione ed emoderivati

Nel caso in cui debba esser liquidato il danno biologico derivato dalla contrazione del virus HCV per un fatto colposo da addebitare alla struttura sanitaria, alla cui produzione abbia concorso anche la pubblica amministrazione, per aver trascurato la dovuta diligenza, «la sopravvenuta morte del soggetto in conseguenza della evoluzione o della ripresa della patologia epatica non determina un “nuovo” danno alla salute autonomo e diverso che si aggiunge al danno biologico da invalidità temporanea e permanente, in precedenza già accertato e liquidato, atteso che l’exitus deve essere considerato come prevedibile estremo rischio di aggravamento della possibile evoluzione della patologia contratta con l’infezione HCV».

Leggi dopo

Sinistri transfrontalieri: la mandataria della compagnia estera è legittimata passiva sostanziale e processuale

14 Novembre 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Sinistri avvenuti all'estero

In tema di risarcimento del danno derivante da incidente stradale avvenuto all’estero, la vittima del sinistro può convenire in giudizio il mandatario designato dalla compagnia straniera assicuratrice del responsabile civile, essendo il mandatario titolare di una legittimazione passiva sostanziale non limitata alla fase stragiudiziale.

Leggi dopo

Malpractice medica: la struttura risponde in via paritaria dell’operato del medico

14 Novembre 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Responsabilità medica contrattuale e/o extracontrattuale

In tema di danni derivanti da malpractice medica nel regime anteriore alla l. n. 24/2017, nel caso di colpa esclusiva del medico, la responsabilità deve essere ripartita in modo paritario tra la struttura sanitaria e il medico stesso, eccetto che nei casi eccezionali di «inescusabilmente grave, del tutto imprevedibile e oggettivamente improbabile devianza dal programma condiviso di tutela della salute», cui la struttura sanitaria risulti essere obbligata.

Leggi dopo

Il criterio di liquidazione del danno alla salute in caso di aggravamento di menomazione preesistente

13 Novembre 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Risarcimento del danno non patrimoniale

In tema di danno alla salute, se una menomazione già preesistente viene aggravata da una menomazione sopravvenuta, ci si trova in presenza di postumi concorrenti, non coesistenti, la cui liquidazione dovrà avvenire secondo un preciso criterio.

Leggi dopo

Il Vademecum della Terza Sezione sul consenso informato e sulla violazione della libertà di autodeterminazione del paziente

12 Novembre 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Consenso informato e il risarcimento del danno consequenziale

La Corte fornisce un vademecum in tema di consenso informato, confermando e dando seguito a quanto elaborato dalla giurisprudenza dalla medesima corte nell’ultimo decennio in materia di consenso informato relativo alla somministrazione delle cure mediche e farmacologiche e della violazione della libertà di autodeterminazione del paziente.

Leggi dopo

Le norme sostanziali contenute nella legge Balduzzi e nella legge Gelli sono applicabili solo per fatti sopravvenuti

12 Novembre 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Responsabilità medica contrattuale e/o extracontrattuale

Le norme sostanziali di cui alla legge n. 189/2012, di conversione del c.d. decreto Balduzzi, così come quelle di cui alla legge Gelli (n. 24/2017), non hanno portata retroattiva e non possono applicarsi ai fatti avvenuti in epoca precedente alla loro entrata in vigore.

Leggi dopo

Danno non patrimoniale: il rinvio al criterio tabellare previsto dalla legge Balduzzi è direttamente applicabile anche ai giudizi pendenti

12 Novembre 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Risarcimento del danno non patrimoniale

L’art. 3, comma 3, d.l. n. 158/2012, conv. con modificazioni nella l. n. 189/2012 (c.d. legge Balduzzi) che in tema di responsabilità medica prevede l’applicazione del criterio di liquidazione equitativa del danno non patrimoniale secondo le Tabelle elaborate in base agli artt. 138 e 139 cod. ass. (criteri di liquidazione del danno non patrimoniale confermati anche dalla successiva l. n. 24/2017, c.d. legge Gelli-Bianco), «trova diretta applicazione in tutti i casi in cui il giudice sia chiamato a fare applicazione, in pendenza del giudizio, del criterio di liquidazione equitativa del danno non patrimoniale, con il solo limite della formazione del giudicato interno sul quantum».

Leggi dopo

La Suprema Corte sul corretto metodo di calcolo degli interessi compensativi in caso di risarcimento del danno da fatto illecito

12 Novembre 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Calcolo interessi

Nelle obbligazioni risarcitorie, il creditore deve essere risarcito, attraverso la corresponsione degli interessi compensativi, del danno che si presume essergli derivato dall’impossibilità di disporre tempestivamente della somma dovuta.

Leggi dopo

Se ci sono postumi permanenti da lesione non si può parlare contemporaneamente di inabilità temporanea

11 Novembre 2019 | di Renato Savoia

Cass. civ.

Danno biologico temporaneo

L’invalidità permanente costituisce uno stato menomativo, stabile e non remissibile, che si consolida soltanto all’esito di un periodo di malattia e non può quindi sussistere prima della sua cessazione.

Leggi dopo

Il danno non patrimoniale va sempre personalizzato

07 Novembre 2019 | di Renato Savoia

Cass. civ.

Risarcimento del danno non patrimoniale

Cassata la sentenza della Corte d’Appello che aveva ridotto il risarcimento del danno da morte del congiunto con la apodittica motivazione (“apparente ed incomprensibile”, come è stata definita dalla Cassazione) che la componente punitiva non è prevista dal nostro ordinamento giuridico.

Leggi dopo

Pagine