News

News

Vittima di violenza sessuale: Italia condannata a risarcire i danni

03 Dicembre 2020 | di Samantha Mendicino

Cass. civ.

Risarcimento del danno da violenza sessuale

Condannata la Presidenza del Consiglio dei ministri per responsabilità civile, per i danni causati ai privati, in conseguenza della mancata attuazione degli obblighi previsti dalla direttiva 2004/80/CE relativa all’indennizzo delle vittime di reati intenzionali violenti.

Leggi dopo

Esame medico (sbagliato) in Germania, ma decesso in Italia: la giurisdizione è del giudice tedesco

01 Dicembre 2020 | di Valentina A. Papanice

Cass. civ.

Responsabilità medica contrattuale e/o extracontrattuale

La richiesta di risarcimento danni per presunta omessa diagnosi presuppone un’ipotesi di responsabilità contrattuale. In tal caso, ai fini dell’individuazione della normativa applicabile, ove la legge che regola il contratto non sia stata scelta, lo stesso è regolato dalla legge del Paese col quale presenta il collegamento più stretto; di regola il collegamento più stretto si presume essere col Paese in cui la parte che deve fornire la prestazione caratteristica ha al momento della conclusione del contratto la propria residenza abituale e, se si tratta di società, associazione o persona giuridica, la propria amministrazione centrale.

Leggi dopo

Veicolo danneggiante senza assicurazione: a chi spetta la prova?

30 Novembre 2020 | di Ilaria Pietroletti

Cass. civ.

Fondo vittime della strada

Grava sul danneggiato l’onere di dimostrare che la vettura danneggiante è priva di copertura assicurativa: in difetto, non può essere chiamato a rispondere dei danni il Fondo di garanzia per le vittime della strada.

Leggi dopo

Class action europea: approvata la Direttiva per la tutela dei consumatori da danni collettivi

27 Novembre 2020 | di Redazione Scientifica

Azione di classe

Il Parlamento europeo ha approvato in via definitiva una nuova Direttiva che consentirà a gruppi di consumatori dell’Unione di intraprendere azioni collettive, introducendo un modello armonizzato di azione rappresentativa.

Leggi dopo

Responsabilità civile magistrati: le Sezioni Unite sul dies a quo per la proposizione dell’azione

26 Novembre 2020 | di Katia Mascia

Cass. civ.

Responsabilità del magistrato

La domanda di risarcimento per il danno attribuito a provvedimento della Corte di Cassazione che abbia deciso la causa nel merito deve essere proposta a pena di decadenza nel termine di tre anni (due anni in base alla disposizione applicabile ratione temporis) decorrenti dalla pubblicazione del provvedimento sull’istanza di revocazione ai sensi dell’art. 391-bis c.p.c., anche se dichiarata inammissibile per estraneità al parametro legale dell’errore di fatto, ovvero, se il rimedio della revocazione non sia stato esperito, dal provvedimento asseritamente fonte del danno, salvo in quest’ultimo caso la valutazione da parte del giudice dell’azione di responsabilità civile della ricorrenza dei presupposti per proporre la domanda di revocazione e, in caso positivo, la dichiarazione di inammissibilità della domanda per mancato esperimento del rimedio di cui all’art. 391-bis c.p.c..

Leggi dopo

Riconosciuta la Consensus Conference “Valutazione del danno biologico nella persona anziana” come buona pratica clinico-assistenziale

25 Novembre 2020 | di Redazione Scientifica

Consensus-Conference-CNEC-ISS-SIMLA

Consensus-Conference-CNEC-ISS-SIMLA.pdf

Responsabilità medica contrattuale e/o extracontrattuale

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha riconosciuto la Consensus Conference “Valutazione del danno biologico nella persona anziana” come buona pratica clinico-assistenziale. SIMLA, quale Società Scientifica riconosciuta dal Ministero della salute, ha fatto pervenire al CNEC (Centro Nazionale per l’Eccellenza Clinica, la Qualità e la Sicurezza delle Cure) il documento di cui era promotrice insieme a FAMLI, alla Consulta Nazionale dei Giovani Medici Legali Universitari e dal Centro di studio e ricerca sull’invecchiamento del DIMEC dell’Università di Bologna, che è stato accettato e inserito nel sito del SNLG (Sistema Nazionale Linee Guida) dell’ISS.

Leggi dopo

Danni post intervento: escluso il risarcimento se la paziente non dimostra che, se adeguatamente informata, lo avrebbe rifiutato

23 Novembre 2020 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Consenso informato e il risarcimento del danno consequenziale

Nell’ipotesi di omessa informazione in relazione ad un intervento chirurgico che abbia cagionato un pregiudizio alla salute ma senza che sia stata dimostrata la responsabilità del medico, è riconosciuto il diritto al risarcimento per la violazione del diritto all’autodeterminazione a condizione che il paziente alleghi e dimostri che, se fosse stato adeguatamente informato, avrebbe rifiutato l’intervento

Leggi dopo

Danni da emotrasfusione: l’azione si prescrive in 5 o 10 anni?

20 Novembre 2020 | di Ilaria Pietroletti

Cass. civ.

Danno da emotrasfusione ed emoderivati

La responsabilità per i danni da trasfusione di sangue infetto ha natura extracontrattuale sicché il diritto al risarcimento è soggetto alla prescrizione quinquennale, ex art. 2947, comma 1, c.c.. Invece, per il danno subito dai congiunti della vittima “iure proprio”, la prescrizione è decennale.

Leggi dopo

L’azione di rivalsa prescinde dal giudizio azionato dal danneggiato

18 Novembre 2020 | di Laura Biarella

Cass. civ.

Azione diretta, eccezioni contrattuali ed azione di rivalsa nella RC auto

Il Collegio della III Sezione Civile della Corte di Cassazione, con l’ordinanza 9 novembre 2020, n. 25087, ha chiarito che l’azione di rivalsa, da parte della compagnia di assicurazione, può essere esercitata a prescindere da un giudizio azionato dal danneggiato. Ha inoltre precisato che, in presenza di una formale richiesta risarcitoria formulata dai danneggiati verso l’impresa di assicurazione, quest’ultima non deve attendere l’instaurazione del giudizio, bensì può eseguire la propria prestazione entro il massimale di legge, finanche in presenza di eccezioni derivanti dal contratto.

Leggi dopo

La valenza processuale del modulo CAI a doppia firma nei confronti (anche) del FGVS

17 Novembre 2020 | di Samantha Mendicino

Cass. civ.

Assicurazione obbligatoria per veicoli a motore e natanti

La denuncia di sinistro stradale deve essere trasmessa all’assicuratore prima di citarlo in giudizio non solo per informarlo delle circostanze, modalità e conseguenze del sinistro ma anche, nel caso di denuncia congiunta, ai fini della presunzione fino a prova contraria della veridicità delle dichiarazioni ivi contenute.

Leggi dopo

Pagine