News

News

Negligente manutenzione del ciglio erboso da parte della PA. Può essere dichiarata la colpa esclusiva del danneggiato

18 Gennaio 2017 | di Redazione Scientifica

Cass. civ., sez. III, 10 gennaio 2017 n. 260

Responsabilità della P.A.

In tema di danno da cose in custodia ex art. 2051 c.c., non può addivenirsi ad una pronuncia di bastevole condotta colposa del danneggiato a cagionare il sinistro, nel caso in cui non venga valutata l’efficacia causale di una accertata condotta omissiva della PA

Leggi dopo

Decesso di una casalinga: spetta ai conviventi il risarcimento del danno da perdita del lavoro domestico

17 Gennaio 2017 | di Francesca Valerio

Cass. civ.

Risarcimento del danno patrimoniale

In caso di morte di una casalinga verificatasi in conseguenza dell’altrui fatto dannoso, i congiunti conviventi hanno diritto al risarcimento del danno, quantificabile in via equitativa, subito per la perdita delle prestazioni attinenti alla cura ed all’assistenza da essa presumibilmente fornite. In tal caso, la prova che la vittima attendesse a tale attività può essere ricavata in via presuntiva ex art. 2727 c.c. dalla semplice circostanza che non avesse un lavoro, mentre spetta a chi nega l’esistenza del danno dimostrare che la vittima non si occupasse del lavoro domestico. È quanto ribadito dalla Corte di Cassazione nella pronuncia n. 238 del 10 gennaio 2017.

Leggi dopo

Responsabilità dei magistrati: irretroattività dei termini di decadenza introdotti con l. 18/2015

13 Gennaio 2017 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Cass. civ., sez. III, 10 gennaio 2017 n. 258.pdf

Responsabilità del magistrato

L’estensione dei termini di decadenza da due a tre anni per proporre l’azione di risarcimento, operata dalla legge n.18 del 2015 sulla legge Vassalli, non si applica a domande depositate prima dell’entrata in vigore della riforma, ossia il 19 marzo 2015.

Leggi dopo

Responsabilità della struttura sanitaria per danno non patrimoniale «riflesso» per lesioni da parto

12 Gennaio 2017 | di Nobile de Santis Sofia

Cass. civ., Sez. III, 20 aprile 2016 n. 7768

Responsabilità della struttura pubblica

Estratto dall’articolo pubblicato sulla rivista Responsabilità civile e previdenza 2016, n. 5, Giuffrè Editore, in cui si commenta una sentenza della Suprema Corte che contiene importanti precisazioni in tema di responsabilità medica e danni risarcibili. Si afferma infatti che la responsabilità della casa di cura ex art. 1228 c.c. può sorgere anche in relazione al fatto illecito commesso da medici ginecologi legati da rapporto di lavoro dipendente ad altra struttura e, con riguardo ai danni non patrimoniali subiti dai congiunti del neonato danneggiato, si include tra i soggetti legittimati al risarcimento del danno morale anche la sorella minore.

Leggi dopo

Pagine