News

News su Responsabilità della banca

Natura contrattuale della responsabilità della banca negoziatrice per il pagamento di assegno a soggetto non legittimato

22 Gennaio 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Responsabilità della banca

La III Sezione ribadisce la natura contrattuale e non oggettiva della responsabilità della banca negoziatrice per aver consentito, in violazione dell’art. 43 l. ass., l’incasso di un assegno bancario, di traenza o circolare, a persona diversa del beneficiario seppur munito di clausola di non trasferibilità.

Leggi dopo

Responsabilità del promotore finanziario: ne risponde anche la banca?

02 Gennaio 2019 | di Giuseppina Satta

Cass. civ.

Responsabilità della banca

L’investitore, che invoca la responsabilità solidale della banca per l'illecita appropriazione di denaro da parte del promotore finanziario, ha l’onere di provare di avere consegnato a quest’ultimo i propri risparmi per attività funzionali all'esercizio delle incombenze affidategli dalla banca medesima.

Leggi dopo

Assegno alterato o pagato a persona diversa dal prenditore: la responsabilità della banca negoziatrice non è “oggettiva”

28 Maggio 2018 | di Bissi Aldo

Cass. civ.

Responsabilità della banca

In tema di responsabilità della banca presso cui sia stato negoziato un assegno, bancario o circolare, non trasferibile, le Sezioni Unite manifestano apertamente di voler abbandonare il criterio della responsabilità oggettiva.

Leggi dopo

Phishing e diligenza della banca: il correntista deve essere rimborsato

18 Aprile 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Responsabilità della banca

Se un correntista, vittima di una frode telematica, disconosce un’operazione di bonifico effettuata sul proprio c.c. , è onere della banca provare di aver adottato tutte le misure idonee a garantire la sicurezza del servizio e la riconducibilità dell’operazione al cliente.

Leggi dopo

Firma apocrifa su ordine di investimento in obbligazioni: responsabilità solidale della Banca, del Direttore e dell’autore della sottoscrizione

18 Gennaio 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Responsabilità della banca

Firma apocrifa su un ordine di investimento in obbligazioni: responsabilità solidale verso gli investitori in capo alla Banca, al Direttore della filiale e all’autore della sottoscrizione apocrifa al contratto, in quanto tutti imputabili di comportamento illecito. È da considerarsi fondata la domanda di rivalsa della banca nei confronti del proprio dipendente, reo di non aver adempiuto diligentemente ai propri compiti; ma sussiste anche la responsabilità extracontrattuale solidale in capo a colui che aveva falsamente sottoscritto il contratto.

Leggi dopo

Smarrimento del Bancomat: Banca responsabile per prelievi abusivi anche in caso di ritardo nella denuncia

09 Agosto 2016 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Responsabilità della banca

In assenza di misure idonee a garantire la sicurezza del servizio da eventuali manomissioni, l'Istituto di credito deve risarcire il cliente per gli eventuali indebiti prelievi anche in caso di ritardata denuncia dello smarrimento del Bancomat.

Leggi dopo

Truffa al bancomat: la responsabilità non è del cliente ma della banca

21 Gennaio 2016 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Responsabilità della banca

Ai fini della valutazione della responsabilità contrattuale della banca in caso di utilizzazione illecita da parte di terzi di carta bancomat trattenuta dallo sportello automatico manomesso da un truffatore, si richiede la verifica dell’adozione da parte dell’istituto bancario delle misure idonee a garantire la sicurezza del servizio.

Leggi dopo

Presunta usurara della banca: al “tasso creativo” del cliente segue la sua condanna per lite temeraria

06 Novembre 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Reggio Emilia

Responsabilità della banca

L’usurarietà degli interessi corrispettivi o moratori va scrutinata con riferimento all’entità degli stessi, e non sulla base della sommatoria dei moratori con i corrispettivi, atteso che tali tassi sono dovuti in via alternativa tra loro; inoltre, la sommatoria rappresenta un “non tasso” o un “tasso creativo”, in quanto percentuale relativa ad interessi mai applicati e non concretamente applicabili al mutuatario. Sostenere il contrario integra una lite temeraria che espone alla condanna ex art. 96, comma 3, c.p.c..

Leggi dopo