News

News

Incostituzionale la legge Pinto che non ricomprende le indagini preliminari nel computo per l’eccessiva durata del processo

29 Luglio 2015 | di Redazione Scientifica

Corte. cost.

Eccessiva durata del processo

Il Giudice delle Leggi ha dichiarato l’incostituzionalità dell’art. 2, comma 2-bis, Legge Pinto nella parte in cui prevede che il processo penale si considera iniziato con l’assunzione della qualità di imputato, di parte civile o di responsabile civile, ovvero quando l’indagato ha avuto legale conoscenza della chiusura delle indagini preliminari, anziché quando l’indagato, in seguito ad un atto dell’autorità giudiziaria, ha avuto conoscenza del procedimento penale a suo carico.

Leggi dopo

Risarcibile l’ansia da lavavetri? La risposta al Giudice amministrativo

23 Luglio 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Danno esistenziale

La richiesta di risarcimento del “danno esistenziale” derivante da “ansia” e “disagio” provocato dai mendicanti e dai “lavavetri” che ai semafori chiedono soldi agli automobilisti va indirizzata al giudice amministrativo e non al giudice ordinario. E ciò in quanto in capo all’automobilista non è configurabile un diritto soggettivo alla circolazione stradale senza insidie, ma, eventualmente, un interesse legittimo all’adozione da parte del Comune di provvedimenti contingibili e urgenti volti alla tutela della sicurezza urbana. Le sezioni Unite hanno così affermato la giurisdizione del giudice amministrativo che dovrà verificare se in casi del genere sia configurabile un interesse legittimo alla mancata adozione di provvedimenti di pubblica sicurezza.

Leggi dopo

Le S.U. mettono la parola “fine” al danno tanatologico

22 Luglio 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Danno tanatologico

«Il più terribile dei mali, la morte, non è nulla per noi, perché quando ci siamo noi non c’è la morte, quando c’è la morte non ci siamo più noi. La morte quindi è nulla, per i vivi come per i morti: perché per i vivi essa non c’è ancora, mentre per quanto riguarda i morti, sono essi stessi a non esserci» (Epicuro – Lettera sulla felicità a Meneceo)

Leggi dopo

Il medico può essere esente da colpe se il danno al paziente è una mera “complicanza”?

22 Luglio 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Responsabilità del medico dipendente di struttura privata

Nel giudizio di responsabilità tra paziente e medico: se il professionista dimostra di aver agito leges artis, va esente da responsabilità, non rilevando che il danno patito dal paziente possa rientrare nella categoria della “complicanza”; se, invece, il professionista non fornisce la prova predetta, non rileva che l’evento dannoso era in astratto imprevedibile ed inevitabile, dal momento che ciò che rileva è se era prevedibile ed evitabile nel caso concreto.

Leggi dopo

In G.U. l’aggiornamento annuale degli importi del danno biologico di lieve entità

16 Luglio 2015 | di Redazione Scientifica

Decr. Min. sviluppo economico, 25 giugno 2015

Liquidazione danno non patrimoniale per lesioni micro permanenti

E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, Serie Generale, n. 162 del 15 luglio 2015, il decreto del Ministero dello sviluppo economico del 25 giugno 2015, l’«aggiornamento annuale degli importi per il risarcimento del danno biologico per lesioni di lieve entità, derivanti da sinistri conseguenti alla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti, anno 2015».

Leggi dopo

Cade dallo scivolo in piscina: qual è il regime di responsabilità che si può configurare?

16 Luglio 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Cremona

Onere di allegazione e prova del danno patrimoniale e non patrimoniale

Nei parchi acquatici, per gli eventuali danni agli utenti che usufruiscono degli scivoli della struttura, non si configura, in capo al gestore, responsabilità ex art. 2050, non essendo quella posta in essere da tali società un’«attività pericolosa», soprattutto perché le stesse strutture si rivolgono anche ai bambini. Non è nemmeno configurabile la responsabilità della società ex art. 2051 c.c., a meno che l’infortunato dimostri: che il sinistro si sia verificato sullo scivolo secondo le modalità allegate in atto di citazione; che si sia verificato il malfunzionamento dell’erogazione dell’acqua; infine, che sussista un nesso di causa tra tale malfunzionamento e l’evento.

Leggi dopo

Lodo Mondadori: il danno non patrimoniale da lesione del diritto ad un giudizio reso da un giudice imparziale e il problema della frazionabilità del risarcimento

15 Luglio 2015 | di Filippo Rosada

Trib. Milano

Risarcimento del danno non patrimoniale

La storica vicenda del "Lodo Mondadori" torna nelle aule di giustizia. In particolare, il Tribunale di Milano ha affrontato la questione relativa alla richiesta di risarcimento del danno non patrimoniale per la lesione del diritto inviolabile, costituzionalmente tutelato, di essere giudicati da un giudice imparziale. Il Giudice meneghino ha riconosciuto il risarcimento di tale danno, che ha quantificato compiendo un'analogia tra il danno conseguente ad un giudizio viziato da dolo e il danno per violazione del giusto processo, utilizzando il parametro risarcitorio ai sensi della L. n. 89/2001. Su tali importi ha, poi, applicato i correttivi della personalizzazione.

Leggi dopo

Garante Privacy vs “La Zanzara”: il Tribunale di Milano conferma l'illecito trattamento dei dati personali di Radio 24

10 Luglio 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Milano

Responsabilità per illecito trattamento di dati personali

Il Tribunale di Milano conferma il provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali, con il quale era stata dichiarata l'illiceità della acquisizione e diffusione della conversazione telefonica intercorsa tra l'ex Ministro Barca e un imitatore dell'allora Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ideata ed eseguita dalla radiotrasmissione “La Zanzara” di Radio 24 – Il sole 24 ore s.p.a.. I fautori dello scherzo erano riusciti a raccogliere e diffondere informazioni personali e politiche della vittima dello scherzo, ingannando l'ex Ministro e sfruttando la vera amicizia intercorrente tra questi e Nichi Vendola.

Leggi dopo

Vincono le società radio taxi – il Tribunale di Milano, con provvedimento d’urgenza, inibisce l’utilizzo di “Uber pop”

16 Giugno 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Milano

Risarcimento del danno da violazione nel settore della concorrenza (antitrust)

Il Tribunale di Milano ha accolto la richiesta, proposta da una serie di associazioni di taxisti, di inibire alla società Uber l'utilizzo del servizio Uber pop, per aver svolto un servizio taxi abusivo. Nel dettaglio, l'attività degli autisti Uber in assenza di titoli autorizzativi e la loro operatività al di fuori degli oneri imposti dal regime amministrativo dell'attività di trasporto comportano un vero e proprio vantaggio concorrenziale non conforme ai principi della correttezza professionale, idoneo a determinare un illecito e indebito sviamento di clientela.

Leggi dopo

Prova indiziaria? Cognizione sommaria per la concessione della provvisoria esecuzione? Le prime “crepe” della Riforma della responsabilità dei magistrati: rimessi gli atti alla Corte Costituzionale

28 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Treviso
Trib. Verona

Responsabilità del magistrato

Il Tribunale di Treviso, sezione penale, in data 8 maggio 2015, e il Tribunale di Verona, sezione civile, in data 12 maggio 2015, hanno sollevato la questione di legittimità costituzionale della nuova disciplina della responsabilità civile dei magistrati ex legge Buemi (L. n. 18/2015), di modifica della previgente disciplina ai sensi della L. n. 117/1988, cd. Legge Vassalli.

Leggi dopo

Pagine