News

News

Trasferimento in sede arbitrale e negoziazione assistita obbligatoria per cause vertenti su danno da circolazione di veicoli (D.l. 132/2014)

11 Novembre 2014 | di Redazione Scientifica

Responsabilità da circolazione di veicoli

Con il D.l. 12 settembre 2014, n. 132 convertito In l. 10 novembre 2014, n. 162 (“Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile”) viene introdotto un trasferimento in sede arbitrale di procedimenti pendenti dinanzi all'autorità giudiziaria e una “procedura di negoziazione assistita da uno o più avvocati” mediante la quale le parti convengono di cooperare in buona fede e con lealtà per risolvere la lite amichevolmente stipulando una convenzione con l’assistenza dei propri difensori.

Leggi dopo

La Commissione Europea deferisce l'Italia alla Corte UE per normativa insufficiente sull'indennizzo delle vittime di reato

06 Novembre 2014 | di Redazione Scientifica

Commissione Europea comunicato stampa Bruxelles, 16 ottobre 2014.pdf

Mancato recepimento direttiva comunitaria

La Commissione europea ha deciso di deferire l'Italia alla Corte di giustizia dell'Unione europea per attuazione inadeguata delle norme UE in materia di indennizzo delle vittime di reato (direttiva 2004/80/CE). Ai sensi della normativa UE, tutti gli Stati membri sono tenuti a provvedere affinché il sistema di indennizzo nazionale garantisca un indennizzo equo e adeguato delle vittime di reati intenzionali violenti commessi nei rispettivi territori.

Leggi dopo

Lesioni subite dall'alunno durante una partita di calcio in orario scolastico: chi risponde?

22 Ottobre 2014 | di Redazione Scientifica

Responsabilità dei precettori

Durante una partita di calcio nelle ore scolastiche un alunno cade, ma il giudice della Corte d’Appello non individua a carico del personale scolastico nessuna omissione di vigilanza, né l’omissione di adozione - in via preventiva- di misure organizzative e disciplinari idonee a evitare una situazione di pericolo, configurando l'evento dannoso come imprevedibile e repentino.

Leggi dopo

Il sistema tabellare di liquidazione del danno biologico di lieve entità non lede alcun diritto costituzionale

17 Ottobre 2014 | di Redazione Scientifica

Liquidazione danno non patrimoniale per lesioni micro permanenti

La Corte costituzionale, con la sentenza 16 ottobre 2014 n. 235, ha stabilito che i valori monetari previsti dall'art. 139 Cod. Ass. per la liquidazione del danno biologico - permanente o temporaneo, conseguente a lesioni di lieve entità (micropermanenti) derivanti da incidenti stradali - non sono in contrasto né con la Costituzione italiana né con i precetti della normativa europea perché la tabella normativa, nel liquidare il danno biologico, prevede anche il cd. "danno morale" (o da sofferenza) e perché anche i diritti della persona possono essere, con ragionevolezza, bilanciati al fine di contemperare contrapposti interessi e valori.

Leggi dopo

Dichiarazioni reticenti a causa di una dimenticanza dell’agente: negato l’indennizzo assicurativo

15 Ottobre 2014 | di Redazione Scientifica

Assicurazione contro i danni

La società Sal. s.r.l. a seguito di un furto presso uno dei suoi negozi ricorre in Appello per chiedere l’indennizzo negato dalla compagnia di assicurazione a fronte di una dichiarazione reticente che il ricorrente addebita a una dimenticanza dell’agente assicurativo. Ma non vi è alcuna prova di buona fede che possa scusare la falsa dichiarazione. Il giudice respinge il ricorso.

Leggi dopo

Travolto da un autocarro. Il figlio chiede risarcimento, ma il giudice riconosce una responsabilità anche del veicolo privilegiato

14 Ottobre 2014 | di Redazione Scientifica

Assicurazione obbligatoria per veicoli a motore e natanti

Un motociclista muore travolto da un mezzo pesante, i parenti della vittima chiedono il risarcimento di tutti i danni subiti, ma questo viene riproporzionato dal giudice che attribuisce una parte di responsabilità al danneggiato anche se aveva diritto di precedenza nella causazione dell’incidente.

Leggi dopo

Consulente contabile è inadempiente, ma manca la prova del danno: negato il risarcimento

10 Ottobre 2014 | di Redazione Scientifica

Responsabilità del commercialista

Il tribunale di Milano pur riconoscendo l’inadempimento professionale del consulente cui era affidata la gestione contabile e tributaria -qualificandola come obbligazione di risultato- nega il risarcimento alla società attrice in quanto la domanda risulta generica (al limite della nullità per indeterminatezza) e non supportata da elementi probatori per il danno lamentato.

Leggi dopo

Prole abbandonata: danno calcolato sul parametro delle tabelle milanesi per perdita del rapporto parentale

07 Ottobre 2014 | di Redazione Scientifica

Danno endofamiliare

I giudici di merito utilizzano come base di calcolo per il risarcimento del danno che un padre deve ai figli abbandonati il parametro delle tabelle del Tribunale di Milano relative alla perdita del rapporto parentale. La Cassazione è concorde.

Leggi dopo

Danno biologico permanente liquidato sulla durata effettiva della vita goduta dalla vittima fino al decesso

03 Ottobre 2014 | di Redazione Scientifica

Danno biologico permanente

In seguito a incidente T.Luigi riporta lesioni gravissime e dopo ottantatré giorni di ricovero muore in ospedale. Il tribunale per risarcire i congiunti calcola il danno biologico permanente sulla base dell’effettivo periodo di vita di cui la vittima ha goduto fino al decesso discostandosi dalle tabelle milanesi che indicano come parametro l’aspettativa di vita media.

Leggi dopo

Sfugge alla madre e viene travolto da un autobus, condannato il conducente ma c’è corresponsabilità del minore

01 Ottobre 2014 | di Redazione Scientifica

Danno da perdita del rapporto parentale

Minore sfugge al controllo della madre e attraversando improvvisamente la strada muore travolto da un autobus. La madre non ha colpa, e viene condannato al risarcimento dei danni il conducente perché procedeva a velocità superiore al limite consentito, ma l’obbligo risarcitorio viene ridimensionato in quanto la vittima – seppur minore - è ritenuta co-responsabile.

Leggi dopo

Pagine