News

News

Il danno morale si aggiunge a quello biologico

26 Febbraio 2020 | di Martina Tonetti

Cass. civ.

Danno morale

L’attribuzione congiunta del danno esistenziale e del danno biologico (inteso come danno che incide sulla vita quotidiana del soggetto e sulle sue attività dinamico-relazionali) costituisce una duplicazione risarcitoria, poiché tali “voci di danno” appartengono alla stessa area protetta dall’art. 32 Cost.; ciononostante, il giudice può compiere una differente ed autonoma valutazione circa la sofferenza interiore patita dal soggetto in conseguenza di una lesione di un suo diritto e ciò, anche, in conformità alla nuova formulazione dell’art. 138, lett. e), cod.ass.

Leggi dopo

Si fa male scivolando sul pavimento condominiale bagnato: il danneggiato doveva fare più attenzione?

25 Febbraio 2020 | di Stefano Calvetti

Cass. civ.

Danno cagionato da cose in custodia

Il caso fortuito, rappresentato dalla condotta del danneggiato, è connotato dall'esclusiva efficienza causale nella produzione dell'evento; a tal fine, la condotta del danneggiato che entri in interazione con la cosa si atteggia diversamente a seconda del grado di incidenza causale sull'evento dannoso, in applicazione - anche ufficiosa - dell'art. 1227 c.c., comma 1; e deve essere valutata tenendo anche conto del dovere generale di ragionevole cautela riconducibile al principio di solidarietà espresso dall'art. 2 Cost.

Leggi dopo

La condotta del minorenne va valutata al pari di quella di un soggetto capace

20 Febbraio 2020 | di Ilaria Pietroletti

Cass. civ.

Responsabilità del sorvegliante dell’incapace

Poiché l’accertamento richiesto dall’art. 1227, comma 1, c.c. riguarda il nesso di causalità oggettiva e prescinde dalla imputabilità della condotta sul piano soggettivo, la valutazione della condotta della vittima incapace deve essere effettuata secondo un criterio che non tiene conto della sua incapacità, ma opera su un piano elusivamente oggettivo e materiale

Leggi dopo

I criteri per il calcolo della taxatio del danno risarcitorio e del credito da mora debendi

19 Febbraio 2020 | di Fabio Piccioni

Cass. civ.

Danno emergente e lucro cessante

La liquidazione del danno da fatto illecito ha lo scopo di reintegrare completamente il patrimonio del danneggiato. Il danno da mora deve replicare il lucro che avrebbe garantito al creditore l’investimento dell’intero capitale.

Leggi dopo

Accesso ai verbali del Comitato valutazione sinistri e diritto di difesa dell’Amministrazione

17 Febbraio 2020 | di Redazione Scientifica

Cons. Stato

Responsabilità medica contrattuale e/o extracontrattuale

I verbali del Comitato valutazione sinistri sono accessibili relativamente agli aspetti di carattere cognitivo della dinamica degli eventi o dei profili medico-legali. Le valutazioni di ordine strategico-difensivo in essi contenute, invece, sono sottratte al regime ostensivo poiché riconducibili a funzioni di risk management e pertanto soggette al divieto di cui all’art. 16, c.1, l. n. 24/2017.

Leggi dopo

Responsabilità sanitaria: inammissibile la chiamata diretta delle assicurazioni

13 Febbraio 2020 | di Redazione Scientifica

Trib. Palermo

Responsabilità medica contrattuale e/o extracontrattuale

La chiamata diretta delle assicurazioni è inammissibile nel caso in cui l’azione diretta del danneggiato ex art. 12 della legge Gelli sia stata effettuata prima dell’emanazione dei decreti ex art. 10, comma 6, della medesima legge.

Leggi dopo

Perdita del congiunto: danno non patrimoniale risarcito oltre i limiti delle tabelle milanesi

12 Febbraio 2020 | di Redazione Scientifica

Trib. Palermo

Danno da perdita del rapporto parentale

In sede di ricorso per risarcimento del danno non patrimoniale da perdita del congiunto, il Tribunale di Palermo ha riconosciuto un risarcimento maggiorato di un terzo rispetto ai parametri previsti dalle tabelle milanesi.

Leggi dopo

Lastra di ghiaccio sul marciapiede: nessuna colpa del Comune per il capitombolo dell’anziana signora

10 Febbraio 2020 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Cass. civ., sez. III, 6 febbraio 2020 n. 2872.pdf

Danno cagionato da cose in custodia

Ricostruito nei dettagli l’episodio, si è appurato che la caduta è stata provocata dal ghiaccio. Tuttavia, le note condizioni climatiche, l’età avanzata e le difficoltà di deambulazione avrebbero dovuto spingere la donna a una maggiore prudenza.

Leggi dopo

Come liquidare il danno alla capacità lavorativa specifica

07 Febbraio 2020 | di Renato Savoia

Cass. civ.

Capacità lavorativa generica e specifica

L’accertamento di postumi incidenti con una certa entità sulla capacità lavorativa specifica non comporta l’automatico obbligo del danneggiante di risarcire il pregiudizio patrimoniale, conseguenza della riduzione della capacità di guadagno – derivante dalla ridotta capacità lavorativa specifica – e quindi di produzione del reddito.

Leggi dopo

Le indagini difensive svolte dall’investigatore privato ingaggiato dalla parte civile sono utilizzabili in giudizio

06 Febbraio 2020 | di Redazione Scientifica

Cass. pen.

Onere di allegazione e prova del danno patrimoniale e non patrimoniale

Con riferimento alle indagini difensive, la giurisprudenza afferma che è legittima ed utilizzabile l’attività svolta da un investigatore privato prima dell’iscrizione della notizia di reato al di fuori dell’ambito applicativo dell’art. 391-nonies c.p.p.

Leggi dopo

Pagine