News

News

(Mancata) allegazione della prova del danno psichico sostituibile con richiesta di consulenza tecnica?

06 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Onere di allegazione e prova del danno patrimoniale e non patrimoniale

La consulenza tecnica d’ufficio, non essendo un mezzo istruttorio in senso proprio, non è ammessa qualora la parte richiedente intenda, attraverso la consulenza stessa, sopperire alla mancanza delle proprie allegazioni, oppure far compiere un’indagine esplorativa per ricercare fatti e circostanze da essa non dimostrati, “autoesonerandosi” così dall’onere probatorio.

Leggi dopo

Le S.U. sul concetto di “circolazione”: anche il veicolo fermo per compiere le attività alle quali è destinato è coperto dall’R.C.A.

05 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Responsabilità da circolazione di veicoli

Ai sensi dell’art. 2054 c.c., nel concetto di «circolazione stradale», ai fini dell’operatività della garanzia assicurativa, si devono ricomprendere anche tutte quelle situazioni statiche di ingombro dell’autoveicolo che presuppongono un uso della strada pubblica al pari del “classico” transito dei veicoli. Pertanto, anche il veicolo fermo per compiere le attività alle quali è destinato (ad es. il movimento del braccio della gru) deve essere considerato in circolazione. Questo è quanto è stato stabilito dalle Sezioni Unite con la pronuncia n. 8620, depositata il 29 aprile 2015.

Leggi dopo

Responsabilità civile magistrati: la citazione in giudizio del giudice non esclude che lo stesso possa giudicare in sede penale

04 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. Pen.

Responsabilità del magistrato

L’azione di risarcimento dei danni cagionati nell’esercizio delle funzioni giudiziarie, proposta ai sensi della L. n. 117/1988, anche dopo le modifiche introdotte della L. n. 23/2015, non costituisce una ragione idonea e sufficiente ad imporre la sostituzione del singolo magistrato. Pertanto, la proposizione dell’azione di responsabilità non è un valido presupposto per un’eventuale richiesta di rimessione del processo penale non costituendo una grave situazione locale, tale da pregiudicare il corretto svolgimento del processo.

Leggi dopo

Responsabilità delle ASL per gli errori dei medici di base: la prima sentenza della Cassazione civile

17 Aprile 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Responsabilità del medico dipendente di struttura pubblica

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 6243/2015 ha riconosciuto, ai sensi dell'art. 1228 c.c., la responsabilità civile in capo all'ASL, per il fatto illecito posto in essere dal "medico di base", convenzionato con la stessa per l'assistenza medico-generica, commesso in esecuzione della prestazione curativa, quando sia resa nei limiti in cui la stessa è assicurata e garantita dal S.S.N., in base ai limiti stabiliti ex lege.

Leggi dopo

Regolamento rc medica: nessuna barriera all’ingresso, la polizza deve essere garantita a tutti

09 Aprile 2015 | di Redazione Scientifica

Assicurazione delle aziende ospedaliere e del medico

«Regolamento incompiuto rispetto agli obiettivi che si propone di realizzare». Queste le parole del Consiglio di Stato, espresse con il parere n. 1040/2015, rispetto alla bozza di regolamento sulla responsabilità civile e professionale delle professioni sanitarie. Rimandato, quindi, il provvedimento al Ministero, che dovrà rivederlo e integrarlo, alla luce di quanto esposto nel parere stesso.

Leggi dopo

La Cedu condanna l’Italia per l’inadeguata sanzione dei responsabili delle torture commesse alla scuola Diaz

08 Aprile 2015 | di Marco Bona

Corte Edu, sez. IV, 7 aprile 2015, Cestaro c. Italia (ric. n. 6884-11).pdf

Responsabilità della P.A.

Il ricorrente alla Corte di Strasburgo era una delle vittime - il più anziano - del violento pestaggio posto in essere dalla polizia durante l’irruzione nella scuola Diaz, una delle sedi del Genova Social Forum, occorsa il 21 luglio 2001 in occasione del G8 genovese. In tale occasione gli agenti gli ruppero un braccio, una gamba e dieci costole. La Corte di Strasburgo si è espressa all’unanimità in ordine alla responsabilità dello Stato italiano, ravvisando la violazione dell'art. 3 Cedu, per l'insufficienza della legislazione italiana, soprattutto del sistema penale rispetto all'effettiva punizione dei responsabili delle torture perpetrate alla scuola Diaz.

Leggi dopo

Polizza rc auto gratis, ma fino a un certo punto… l’Ivass risponde ai consumatori

25 Marzo 2015 | di Redazione Scientifica

Lettera IVASS, 9 marzo 2015.pdf

Assicurazione obbligatoria per veicoli a motore e natanti

Con la lettera del 9 marzo 2015, l'IVASS ha risposto ad una serie di segnalazioni, giunte da singoli cittadini e diverse associazioni di consumatori, in riferimento a una pratica che si sta diffondendo nel mercato, legata all'acquisto di una nuova automobile e alla relativa offerta da parte della casa automobilistica di un polizza r.c. auto gratuita. Le segnalazioni, in particolare, denunciano il fatto che, scaduto il periodo promozionale, l'assicurato perde i benefici della classe di merito acquisita prima del periodo promozionale, quali quelli previsti dal Decreto Bersani.

Leggi dopo

Sono cumulabili indennizzo e risarcimento? La questione rimessa alle Sezioni Unite

16 Marzo 2015 | di Filippo Rosada

Cass. civ.

Assicurazione contro i danni

In tema di ammissibilità o meno della cd. compensatio lucri cum damno tra indennizzo e risarcimento nell’ambito delle conseguenze risarcitorie da fatto illecito, in relazione alla limitazione del diritto al risarcimento del danno della vittima in funzione all’azione di surrogazione dell’assicuratore sociale nei confronti del responsabile civile, in virtù dei divergenti orientamenti di legittimità, è opportuno investire le Sezioni Unite.

Leggi dopo

Partita di calcio “truccata”: liquidato ai tifosi il danno non patrimoniale «da passione sportiva rovinata»

16 Marzo 2015 | di Filippo Rosada

Trib. Bari

Risarcimento del danno non patrimoniale

I tifosi di una squadra di calcio che hanno acquistato i biglietti per vedere una partita che successivamente si è scoperto essere stata comprata, hanno diritto al risarcimento del danno non patrimoniale «da passione sportiva rovinata». In particolare, tale pregiudizio va liquidato in modo unitario per evitare duplicazioni in via equitativa nella misura di 400,00 euro per ciascun tifoso costituitosi parte civile.

Leggi dopo

Il danno da nascita indesiderata necessita il vaglio delle Sezioni Unite della Suprema Corte

06 Marzo 2015 | di Filippo Rosada

Cass. civ.

Danno da nascita indesiderata

In tema di danno da nascita indesiderata, relativamente alle problematiche connesse all’onere probatorio e alla legittimazione del nato a pretendere il risarcimento del danno in relazione alla violazione del diritto a non nascere o a non nascere se non sano, data la presenza di contrastanti orientamenti di legittimità, necessita il vaglio delle Sezioni Unite.

Leggi dopo

Pagine