News

News

La vittima sta per morire ma non ne è consapevole: negato il “danno da lucida agonia”

11 Luglio 2014 | di Redazione Scientifica

Danno catastrofale

In un incidente stradale tra un’auto e un bus, un passeggero a bordo del mezzo pubblico riporta gravi lesioni ma l’infarto, che provoca il decesso della vittima, anche se ritenuto causalmente connesso a tali lesioni, non era in nessun modo prevedibile. La vittima non era quindi consapevole dell’approssimarsi della morte e l’assenza di questa consapevolezza impedisce il risarcimento del danno catastrofale.

Leggi dopo

Il danno biologico per morte del figlio va calcolato in base alla durata effettiva della vita del defunto

10 Luglio 2014 | di Redazione Scientifica

Danno biologico temporaneo

In tema di risarcimento dei danni per incidente stradale, che abbia causato la morte del figlio, l’ammontare del danno biologico va calcolato non con riferimento alla durata probabile della vita del defunto, ma alla sua durata effettiva. La risarcibilità di tale danno si trasmette agli eredi iure heriditatis

Leggi dopo

Calcolo del danno biologico da lesioni micropermanenti: i nuovi importi

07 Luglio 2014 | di Redazione Scientifica

Liquidazione danno non patrimoniale per lesioni micro permanenti

Con il d.m. del 20 giugno 2014, G.U. n.153 del 4 luglio 2014 sono stati aggiornati gli importi per il risarcimento del danno biologico per lesioni di lieve entità (micropermanenti), in base alla variazione annuale dell’indice Istat.

Leggi dopo

Risarcimento per strage da amianto: la morte è componente essenziale del danno

04 Luglio 2014 | di Redazione Scientifica

Danno tanatologico

In una causa di lavoro la liquidazione del danno da perdita della vita subito dalle vittime in una strage di amianto viene calcolata senza distinzione tra danno da malattia (biologico e catastrofale) e danno da morte, in quanto la morte integra il danno in qualità di sua componente essenziale.

Leggi dopo

Risarcimento del danno da trattamento carcerario ‘inumano o degradante’

03 Luglio 2014 | di Francesca Ghezzi

Risarcimento del danno in forma specifica

La norma introduce una forma di rimedio compensativo, in forma specifica ed in forma monetaria, per offrire una riparazione al pregiudizio derivante dal sovraffollamento carcerario, qualora risulti violato l’articolo 3 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, rubricato “proibizione della tortura”.

Leggi dopo

Non tutte le spese veterinarie sono risarcibili quando l’animale d’affezione è vittima di reato

02 Luglio 2014 | di Redazione Scientifica

Danno da perdita di animale d'affezione

Il tetto massimo del danno patrimoniale risarcibile per le spese veterinarie, necessarie e congrue, sostenute al fine di curare e conservare il rapporto affettivo con l’animale, viene riconosciuto nell'equivalente monetario del danno non patrimoniale da perdita dell'animale d'affezione.

Leggi dopo

Liquidazione di danno psichico a “doppio binario”: tabelle di Milano e tabelle di Roma

30 Giugno 2014 | di Redazione Scientifica

Tabella del Tribunale di Milano

In una causa di lavoro la liquidazione del danno psichico subito personalmente dai superstiti di una strage di amianto avviene su paramenti desunti in parte dalle tabelle milanesi e in parte dalle tabelle di Roma. La società condannata ricorre in appello, ma la contestazione è infondata.

Leggi dopo

Ricorso ex lege Pinto: la domanda non è proponibile se riferita ad un solo grado di giudizio

27 Giugno 2014 | di Redazione Scientifica

Eccessiva durata del processo

La domanda di equo indennizzo per l’eccessiva durata di una causa può essere proposta, ma in riferimento all’intero svolgimento del processo, non potendosi questa riferire ad un solo grado di giudizio.

Leggi dopo

Farmaco anticoncezionale sbagliato: danno da nascita indesiderata a carico del medico

20 Giugno 2014 | di Redazione Scientifica

Danno da nascita indesiderata

Incorre in responsabilità contrattuale, il medico che somministri alla propria assistita – la quale non intende avere figli - un farmaco errato inidoneo ad avere efficacia anticoncezionale se, per effetto di tale errore, sia insorta una gravidanza indesiderata.

Leggi dopo

Liquidazione del danno: gli interessi vanno calcolati di anno in anno o in base a un indice medio sulla somma rivalutata

18 Giugno 2014 | di Redazione Scientifica

Calcolo interessi

Nell’ipotesi di risarcimento del danno da fatto illecito extracontrattuale, se la liquidazione viene effettuata per equivalente, gli interessi non vanno calcolati né sulla somma originaria né su quella rivalutata al momento della liquidazione, ma su quella rivalutata anno per anno ovvero su quella rivalutata in base a un indice medio oppure, ancora, seguendo il criterio dell’attribuzione degli interessi legali dalla data del fatto sul capitale mediamente rivalutato.

Leggi dopo

Pagine