News

News

Prova indiziaria? Cognizione sommaria per la concessione della provvisoria esecuzione? Le prime “crepe” della Riforma della responsabilità dei magistrati: rimessi gli atti alla Corte Costituzionale

28 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Treviso
Trib. Verona

Responsabilità del magistrato

Il Tribunale di Treviso, sezione penale, in data 8 maggio 2015, e il Tribunale di Verona, sezione civile, in data 12 maggio 2015, hanno sollevato la questione di legittimità costituzionale della nuova disciplina della responsabilità civile dei magistrati ex legge Buemi (L. n. 18/2015), di modifica della previgente disciplina ai sensi della L. n. 117/1988, cd. Legge Vassalli.

Leggi dopo

La proposta della Società Medico Legale Triveneta: il nuovo Barème sul danno biologico di lieve entità

20 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Liquidazione danno non patrimoniale per lesioni micro permanenti

L’11 maggio 2015, la Società Medico Legale Triveneta (SMLT) ha elaborato un nuovo Barème per le valutazioni del danno da lieve entità in ambito di RCA. La nuova Tabella sul danno biologico, proposta dalla società del Triveneto, rappresenta una vera e propria modifica integrativa della tabella, prevista dal D.M. 3 luglio 2003, delle invalidità biologiche di entità compresa entro il 9% di IP.

Leggi dopo

Anche la fidanzata non convivente (ma promessa sposa) va risarcita per i danni non patrimoniali da perdita del congiunto

15 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Firenze

Danno da perdita del rapporto parentale

È configurabile in capo alla fidanzata, non convivente, ma promessa sposa, del giovane deceduto in un incidente stradale, il risarcimento dei danni morali ed esistenziali. Il ristoro dei danni patiti dalla donna è dovuto sulla base del fatto che tra i due futuri sposi vi fosse un legame storico e stabile, destinato a concretizzarsi ancora di più per via del programmato matrimonio; sicchè tale rapporto è degno di tutela giuridica ai sensi dell’art. 2 Cost. - che da importanza alla sfera relazionale personale in quanto tale e non perché poggiante sul rapporto di coniugio tra due soggetti – e l’art. 29 Cost. – che è norma di tutela della famiglia fondata sul matrimonio ma anche del diritto del singolo a contrarre matrimonio.

Leggi dopo

Espianto organi: cosa succede se i medici non seguono la volontà dei prossimi congiunti di non acconsentire al prelievo di cute?

11 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Trib. Firenze

Danno morale

Si configura in capo ai prossimi congiunti il diritto al risarcimento del danno, quando i medici decidano di prelevare il tessuto cutaneo della madre defunta (riconosciuta come potenziale donatrice ai sensi della L. n. 91/1999), ponendo in essere una condotta in pieno contrasto con la volontà espressa dai superstiti nel verbale di informazione di non acconsentire al prelievo di cute. Nell’ordinamento è, quindi, configurabile in capo ai prossimi congiunti un’autonoma posizione giuridica soggettiva meritevole di tutela.

Leggi dopo

Lavoratore folgorato da scarica elettrica: responsabili proprietario e conduttore per l’assenza del “salva vita” nell’appartamento

07 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Danno cagionato da cose in custodia

Della morte del lavoratore, dovuta a una scarica elettrica proveniente dallo scaldabagno che l’uomo stava aggiustando, rispondono solidalmente il proprietario dell’immobile e il conduttore, non essendo presente nell’appartamento alcun dispositivo di sicurezza (cd. “salva vita”) in grado di neutralizzare la scarica.

Leggi dopo

(Mancata) allegazione della prova del danno psichico sostituibile con richiesta di consulenza tecnica?

06 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Onere di allegazione e prova del danno patrimoniale e non patrimoniale

La consulenza tecnica d’ufficio, non essendo un mezzo istruttorio in senso proprio, non è ammessa qualora la parte richiedente intenda, attraverso la consulenza stessa, sopperire alla mancanza delle proprie allegazioni, oppure far compiere un’indagine esplorativa per ricercare fatti e circostanze da essa non dimostrati, “autoesonerandosi” così dall’onere probatorio.

Leggi dopo

Le S.U. sul concetto di “circolazione”: anche il veicolo fermo per compiere le attività alle quali è destinato è coperto dall’R.C.A.

05 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Responsabilità da circolazione di veicoli

Ai sensi dell’art. 2054 c.c., nel concetto di «circolazione stradale», ai fini dell’operatività della garanzia assicurativa, si devono ricomprendere anche tutte quelle situazioni statiche di ingombro dell’autoveicolo che presuppongono un uso della strada pubblica al pari del “classico” transito dei veicoli. Pertanto, anche il veicolo fermo per compiere le attività alle quali è destinato (ad es. il movimento del braccio della gru) deve essere considerato in circolazione. Questo è quanto è stato stabilito dalle Sezioni Unite con la pronuncia n. 8620, depositata il 29 aprile 2015.

Leggi dopo

Responsabilità civile magistrati: la citazione in giudizio del giudice non esclude che lo stesso possa giudicare in sede penale

04 Maggio 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. Pen.

Responsabilità del magistrato

L’azione di risarcimento dei danni cagionati nell’esercizio delle funzioni giudiziarie, proposta ai sensi della L. n. 117/1988, anche dopo le modifiche introdotte della L. n. 23/2015, non costituisce una ragione idonea e sufficiente ad imporre la sostituzione del singolo magistrato. Pertanto, la proposizione dell’azione di responsabilità non è un valido presupposto per un’eventuale richiesta di rimessione del processo penale non costituendo una grave situazione locale, tale da pregiudicare il corretto svolgimento del processo.

Leggi dopo

Responsabilità delle ASL per gli errori dei medici di base: la prima sentenza della Cassazione civile

17 Aprile 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Responsabilità del medico dipendente di struttura pubblica

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 6243/2015 ha riconosciuto, ai sensi dell'art. 1228 c.c., la responsabilità civile in capo all'ASL, per il fatto illecito posto in essere dal "medico di base", convenzionato con la stessa per l'assistenza medico-generica, commesso in esecuzione della prestazione curativa, quando sia resa nei limiti in cui la stessa è assicurata e garantita dal S.S.N., in base ai limiti stabiliti ex lege.

Leggi dopo

Regolamento rc medica: nessuna barriera all’ingresso, la polizza deve essere garantita a tutti

09 Aprile 2015 | di Redazione Scientifica

Assicurazione delle aziende ospedaliere e del medico

«Regolamento incompiuto rispetto agli obiettivi che si propone di realizzare». Queste le parole del Consiglio di Stato, espresse con il parere n. 1040/2015, rispetto alla bozza di regolamento sulla responsabilità civile e professionale delle professioni sanitarie. Rimandato, quindi, il provvedimento al Ministero, che dovrà rivederlo e integrarlo, alla luce di quanto esposto nel parere stesso.

Leggi dopo

Pagine