News

News

Aggiornamento in GU degli importi per il risarcimento del danno biologico per lesioni di lieve entità

19 Agosto 2019 | di Redazione Scientifica

D.M. 22 luglio 2019

D.M. 22 luglio 2019.pdf

Tabelle nel Codice delle Assicurazioni private

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 189 del 13 agosto 2019 è stato pubblicato l’aggiornamento degli importi per il risarcimento del danno biologico per lesioni di lieve entità, derivanti da sinistri conseguenti alla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti.

Leggi dopo

Responsabilità aggravata: c’è abuso del diritto di impugnazione solo in caso di vacuità e pretestuosità delle argomentazioni difensive

14 Agosto 2019 | di Leda Rita Corrado

Cass. civ.

Responsabilità processuale aggravata e danno punitivo

Nella sentenza n. 18745 del 2019 la Terza Sezione della Corte di Cassazione, accogliendo il ricorso e decidendo nel merito, elimina la condanna al pagamento di una somma equitativamente determinata ex art. 96, comma 3, c.p.c. a carico della parte soccombente nel giudizio di appello.

Leggi dopo

Immissioni rumorose: la cessazione totale è solo l’extrema ratio

12 Agosto 2019 | di Renato Savoia

Cass. civ.

Risarcimento del danno da immissioni

Dovendo dare attuazione ad un obbligo di non facere, ben vi può essere una gradazione tra l’inibitoria totale delle immissioni tramite la cessazione dell’attività e una inibitoria mediante imposizione di accorgimenti nello svolgimento dell’attività.

Leggi dopo

Trasportato danneggiato in un sinistro stradale: è incapace a testimoniare

09 Agosto 2019 | di Laura Biarella

Cass. civ.

Responsabilità da circolazione di veicoli

La vittima di un incidente stradale, pure se già risarcita, risulta incapace a testimoniare nel giudizio che pende tra un’ulteriore vittima ed il responsabile. Il danneggiato in un sinistro, infatti, ha sempre un interesse giuridico, e non di mero fatto, all’esito del contenzioso introdotto da un’altra vittima contro un soggetto potenzialmente responsabile verso il testimone.

Leggi dopo

La responsabilità dell’ente obbligato al controllo e alla prevenzione presuppone la valutazione della condotta esigibile nel caso concreto

29 Luglio 2019 | di Paola Di Michele

Danno cagionato da cose in custodia

L’applicazione dell’art. 2043 c.c. in luogo dell’art. 2051 c.c. impone che la responsabilità dell’ente si affermi solo previa individuazione del concreto comportamento colposo ad esso ascrivibile e cioè che gli siano imputabili condotte, a seconda dei casi, specificamente o genericamente colpose che abbiano reso possibile il verificarsi dell’evento dannoso. Di contro, slegando la responsabilità dell’Ente dal concetto di colpa la si farebbe transitare nell’alveo della responsabilità oggettiva da cose in custodia secondo le regole di cui agli artt. 2051, 2052 e 2053 c.c.

Leggi dopo

Facciamo il punto sul mobbing

25 Luglio 2019 | di Claudio Zambrano

App. Firenze

Responsabilità del datore di lavoro

La Corte di appello ha offerto una conferma della definizione di mobbing quale «condotta tenuta dal datore di lavoro nei confronti del suo dipendente consistente in una serie ripetuta di ingiustificati soprusi diretti ad isolarlo ed a screditarlo nell'ambiente di lavoro e preordinati alla sua estromissione dallo stesso, condotta tale da comportare per il lavoratore gravi menomazioni sia in relazione alla sua capacità lavorativa che alla sua integrità fisica».

Leggi dopo

Diritto all’oblio: bilanciamento tra diritto di cronaca, diritto di rievocazione storica e diritto di riservatezza

24 Luglio 2019 | di Andrea Mazzaro

Cass. civ.

Risarcimento del danno da diffamazione

Le Sezioni Unite chiariscono i presupposti per l’interessato nel chiedere la cancellazione di una notizia a sé relativa.

Leggi dopo

Rapporti tra giudizio civile e penale: quando è necessaria la sospensione del processo?

22 Luglio 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Giudicato penale e risarcimento del danno

La Corte di Cassazione chiarisce in quali ipotesi è necessario rendere dipendente la decisione civile dalla definizione del giudizio penale.

Leggi dopo

Danno da cose in custodia: il dovere generale di ragionevole cautela e la colpa specifica del danneggiato

17 Luglio 2019 | di Samantha Mendicino

Cass. civ.

Danno cagionato da cose in custodia

Quanto più la situazione di possibile danno è suscettibile di essere prevista e superata attraverso l'adozione da parte dello stesso danneggiato di normali cautele, tanto più incidente sarà l'efficienza causale del comportamento imprudente del medesimo nel dinamismo causale del danno.

Leggi dopo

Sinistro causato da terzi, perdita della capacità lavorativa e indennizzi INPS: sì alla compensatio lucri cum damno

15 Luglio 2019 | di Valentina A. Papanice

Cass. civ.

Danno differenziale patrimoniale e non patrimoniale

Nel caso di sinistro che provochi la perdita totale o parziale, temporanea o definitiva, della capacità lavorativa, la liquidazione integrale del danno patrimoniale deve essere decurtata in ragione di quanto eventualmente corrisposto dall’ente previdenziale, essendo, le due prestazioni, dirette a compensare la lesione dello stesso bene della vita (la capacità lavorativa) e, perciò, cumulabili. Il danneggiante resta esposto all’azione di recupero dell’ente previdenziale prevista dalla legge.

Leggi dopo

Pagine