Quesiti Operativi

Quesiti Operativi su Responsabilità da circolazione di veicoli

La definizione di circolazione stradale alla luce della normativa europea

30 Maggio 2017 | di Giuseppe Sileci

Responsabilità da circolazione di veicoli

È conforme al diritto europeo una interpretazione degli art. 2054 c.c. e 122 Cod. ass. che escluda dall’ambito della circolazione stradale i sinistri provocati da veicoli all’interno di aree private?

Leggi dopo

Fatto illecito mortale commesso da più corresponsabili

20 Aprile 2017 | di Michele Liguori

Responsabilità da circolazione di veicoli

Un pedone viene investito e subisce gravissime lesioni, molto probabilmente mortali. Il pedone è ancora vivo allorché viene travolto da un altro veicolo e muore sul colpo. Chi deve risarcire il danno da morte?

Leggi dopo

Concorso colposo del creditore e nesso causale, nell’ipotesi di incidente stradale con veicolo con revisione obbligatoria scaduta

29 Novembre 2016 | di Michele Liguori

Responsabilità da circolazione di veicoli

In caso incidente stradale tra un motociclo con revisione scaduta e autovettura, l’assicurazione di quest’ultima è tenuta a pagare se la responsabilità del sinistro viene addebitata al conducente dell’autovettura?

Leggi dopo

Inosservanza del segnale di stop ed eccessiva velocità del conducente alla guida dell'autoveicolo con diritto di precedenza

21 Novembre 2016 | di Giuseppe Sileci

Responsabilità da circolazione di veicoli

Se all'esito dell'attività istruttoria viene accertato che il conducente del veicolo antagonista non ha rispettato il segnale di stop, il Giudice potrà affermarne il concorso di colpa?

Leggi dopo

Errata visura Consap e proponibilità nei confronti della compagnia assicuratrice

14 Luglio 2016 | di Antonino Barletta

Responsabilità da circolazione di veicoli

Sulla base della comunicazione Consap un veicolo non risulta coperto da assicurazione per la R.C.A.: detta risultanza viene trasmessa al proprietario del veicolo che non comunica alcunché. In giudizio il procuratore del responsabile civile esibendo una “visura Ania”, oltre al certificato assicurativo dimostra che il predetto veicolo era invece assicurato e chiede l’inammissibilità e/o improcedibilità della domanda per mancanza di costituzione in mora. Questioni: la visura Ania ha qualche valenza probatoria? È richiedibile da privati? È possibile estendere la domanda anche alla compagnia assicurativa anche in assenza di costituzione in mora, termini ex art. 146 Cod. Ass. considerato che l’attore nulla poteva sapere?

Leggi dopo

Valore probatorio del verbale di pubblica autorità in relazione a dichiarazioni di terzi

15 Gennaio 2016 | di Antonino Barletta

Responsabilità da circolazione di veicoli

Nell’ambito di una causa di merito per il risarcimento danni da incidente stradale, agli atti consta il verbale delle autorità intervenute a rilevare l’incidente contenente la dichiarazione scritta di pugno da un testimone oculare. Lo stesso teste, ammesso a rendere la prova testimoniale, non è reperibile. Quale valore probatorio può assumere la dichiarazione di cui sopra ai fini della decisione in punto di responsabilità?

Leggi dopo

Risarcimento diretto e “frazionamento” della domanda risarcitoria per le lesioni di non lieve entità alla persona

12 Maggio 2015 | di Antonino Barletta

Responsabilità da circolazione di veicoli

Tizio otteneva il risarcimento dei danni a cosa in regime di indennizzo diretto ex art. 149 Cod. Ass.. La società responsabile civile (diversa dalla precedente società) non intendeva gestire i danni da lesioni personali che superavano i limiti degli accordi. Dopo il passaggio in giudicato della sentenza, Tizio proponeva ricorso con rito sommario per le lesioni. Alla prima udienza il giudice si pronunciava sull’eccezione preliminare della convenuta, che contestava l’abuso dello strumento processuale per aver frammentato il credito, dichiarando improponibile il ricorso. E’ ora in pendenza il termine di 30 giorni per proporre appello. In questo caso, è stato lesionato il diritto ad agire dell'attore che di fatto perde la possibilità di fruire dei tre gradi di giudizio? Il giudice avrebbe potuto mutare il rito, come richiesto?

Leggi dopo

La Direttiva 2009/103/CE, c.d. VI Direttiva Auto e la competenza giurisdizionale

16 Marzo 2015 | di Antonino Barletta

Responsabilità da circolazione di veicoli

La Direttiva 2009/103/CE ha riunito in un unico testo normativo le preesistenti direttive in materia di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile in materia di circolazione di autoveicoli, già recepite in Italia e al loro volta consolidate nel Codice delle Assicurazioni private. In materia di giurisdizione il considerando 32 della Direttiva 2009/103 osserva che «Ai sensi del combinato disposto dell’articolo 11, paragrafo 2, e dell’articolo 9, paragrafo 1, lettera b), del regolamento (CE) 44/2000 del Consiglio, del 22 dicembre 2000, concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale, la parte lesa può citare in giudizio l’assicuratore della responsabilità civile nello Stato membro in cui è domiciliata». Le citate disposizioni del Reg. 44/2001 (c.d. Reg. Bruxelles I) tengono conto della giurisprudenza comunitaria formatasi in relazione alle disposizioni della Convenzione di Bruxelles (Conv. 27 settembre 1968 ratificata con la Legge 21 giugno 1971, n. 804) sulla giurisdizione nelle controversie con l’assicuratore.

Leggi dopo