Quesiti Operativi

Quesiti Operativi su Responsabilità del CTU

La consulenza tecnica errata: rimedi e soluzioni

29 Settembre 2015 | di Antonino Barletta

Responsabilità del CTU

Tizio chiede un risarcimento danni per malpractice sanitaria. Il giudice nomina c.t.u. medico Caio che, nella relazione scritta, riporta innanzitutto gli accertamenti effettuati nella struttura sanitaria. Tizio contesta nel merito la perizia, e ritiene che, nel caso di specie, possa anche configurarsi il reato di falso in perizia ex art. 373 c.p. in quanto il c.t.u. ha riportato affermazioni non corrispondenti al vero. Il c.t.u., infatti, a fronte di un ECG presente in cartella clinica, non firmato da alcun medico e poi refertato dai medici ospedalieri come sola «non segni di sofferenza ischemica», riporta, nella raccolta dei dati: ECG refertato come «non segni di sofferenza ischemica; ritmo sinusale, non blocco di branca, BEV isolato, PQ e QT nei limiti, normale conduzione intraventricolare».

Leggi dopo