Focus

Il requisito della convivenza ai fini della prova del danno non patrimoniale da perdita del rapporto parentale

Sommario

Il danno da perdita del rapporto parentale | La prova del danno da perdita del rapporto parentale | Primo orientamento: il danno patito dai soggetti appartenenti alla “famiglia nucleare” è presunto | Secondo orientamento: il danno può essere riconosciuto anche a soggetti estranei alla “famiglia nucleare” purché sia provata la effettività e consistenza del legame famigliare | Il requisito della convivenza | In conclusione | Riferimenti |

 

Il presente contributo ha lo scopo di analizzare gli orientamenti della Suprema Corte in merito alla rilevanza del requisito della convivenza ai fini della prova del danno non patrimoniale da perdita del rapporto parentale. Negli ultimi anni, la Suprema Corte si è, infatti, pronunciata in diverse occasioni sulla necessità o meno per i congiunti di dover provare di aver convissuto con il defunto per ottenere il risarcimento del danno da perdita del rapporto parentale.

Leggi dopo