Focus

Le difficoltà probatorie in tema di risarcimento dei danni da ingiuria

Sommario

Il quadro normativo | L'elemento oggettivo | La presenza necessaria della persona offesa | Le fattispecie assimilabili | Altri aspetti rilevanti | La persona giuridica | Il nesso di causalità | La provocazione | La prova del danno | La liquidazione dei danni | La sanzione pecuniaria | Aspetti processuali, e non, da tenere presenti | Casistica | In conclusione |

 

A seguito dell’intervenuta depenalizzazione del reato di ingiuria, operata con il d.lgs. n. 7/2016, sono sorte numerose questioni pratiche, soprattutto sul piano dell’onere probatorio e dei criteri da utilizzare per la liquidazione del relativo danno in sede civile. I concetti di onore e decoro, che rappresentano il bene tutelato, si prestano a letture che di volta in volta devono adattarsi all’evoluzione della dignità umana nel corso dei tempi, sicché non è possibile fornire una interpretazione univoca e rigida degli stessi. Indubbiamente la concezione civilistica, svincolata, com’è, da parametri “medi” di onorabilità e rispettabilità, si caratterizza per una maggiore ampiezza, ma anche per una più labile demarcazione dei confini applicativi.

Leggi dopo