Focus

Lite temeraria ed abuso del processo: le criticabili Tabelle di Milano per la liquidazione di una somma equitativamente determinata ex art. 96, c. 3, c.p.c.

Sommario

Le radici della lite temeraria | L'articolo 96 del codice di procedura civile | Il primo comma | Il secondo comma | Il terzo comma | Abuso del processo e Legge Pinto | Le tabelle | Pars destruens | La scelta | Il metodo | (segue) Le norme di diritto espresse | (segue) Le decisioni della Suprema Corte di Cassazione | Gli indici di graduazione della liquidazione | L'esempio chiarificatore | Pars costruens | Conclusioni difformi e più coerenti | Indici di graduazione della liquidazione | Esempio chiarificatore |

 

L'Osservatorio sulla giustizia civile di Milano, con le Tabelle ha previsto che “l'importo ex art. 96, c. 2, c.p.c. può essere determinato con riferimento al parametro del compenso defensionale liquidato in causa e, segnatamente, in un importo all'incirca pari al compenso defensionale, riducibile sino alla metà del compenso ed aumentabile della metà del compenso, in ragione delle circostanze specifiche dell'abuso”. inoltre, l'Osservatorio ha indicato cinque elementi presi in esame nei casi esaminati ai fini della graduazione della liquidazione: valore della causa, durata del processo, numero delle parti vittoriose (abusate dalla lite temeraria), intensità dell'elemento soggettivo dell'abusante, affaticamento derivato alla parte abusata dal processo temerario.

Leggi dopo