Focus

TABELLE MILANESI 2021

 

TABELLE MILANESI EDIZIONE 2021

DAMIANO SPERA

Le più importanti novità nelle nuove Tabelle Milanesi del danno non patrimoniale - edizione 2021

 

Sono state pubblicate le Tabelle Milanesi 2021 per la liquidazione del danno non patrimoniale. Il Focus analizza i criteri orientativi sul danno non patrimoniale da lesione del bene salute, il danno non patrimoniale derivante da perdita/grave lesione del rapporto parentale, il nuovo quesito medico legale, la liquidazione del danno da mancato/carente consenso informato in ambito sanitario.

 

LUDOVICO BERTI

Il danno dinamico relazionale, il danno da sofferenza soggettiva interiore e la personalizzazione nel restyling della Tabella di Milano

 

Il Gruppo danno alla persona dell’Osservatorio di Milano, in conseguenza delle novità normative e dei recenti principi di diritto enunciati dalla Cassazione, ha aggiornato la Tabella per la liquidazione del danno alla salute, proponendone una rivisitazione grafica che esplicita gli addendi monetari delle singole componenti del danno non patrimoniale, indicando la quota relativa al danno morale compresa nel punto di valore del danno biologico così da rendere più agevole la sua autonoma valutazione, la sua liquidazione ed il calcolo della personalizzazione.

 

MICHELE LIGUORI

Lite temeraria ed abuso del processo: le criticabili Tabelle di Milano per la liquidazione di una somma equitativamente determinata ex art. 96, c. 3, c.p.c.

 

L'Osservatorio sulla giustizia civile di Milano, con le Tabelle ha previsto che “l'importo ex art. 96, c. 2, c.p.c. può essere determinato con riferimento al parametro del compenso defensionale liquidato in causa e, segnatamente, in un importo all'incirca pari al compenso defensionale, riducibile sino alla metà del compenso ed aumentabile della metà del compenso, in ragione delle circostanze specifiche dell'abuso”. inoltre, l'Osservatorio ha indicato cinque elementi presi in esame nei casi esaminati ai fini della graduazione della liquidazione: valore della causa, durata del processo, numero delle parti vittoriose (abusate dalla lite temeraria), intensità dell'elemento soggettivo dell'abusante, affaticamento derivato alla parte abusata dal processo temerario.

 

PATRIZIA ZIVIZ

Liquidazione del danno da mancato consenso informato in ambito sanitario: la proposta dell'osservatorio di Milano

 

L'Osservatorio sula Giustizia civile di Milano ha individuato, sulla base dell'analisi giurisprudenziale, una serie di criteri da utilizzare per pervenire alla liquidazione del danno patito dal paziente ove non sufficientemente informato ai fini della formulazione del consenso al trattamento sanitario.

 

FRANCESCA TOPPETTI

Il danno biologico dinamico-relazionale e il danno da sofferenza soggettiva interiore: la nuova veste grafica delle Tabelle milanesi 2021

 

La ratio sottesa alla versione rinnovata delle Tabelle milanesi 2021 va indubbiamente rinvenuta nei punti fermi indicati, in modo nitido, dai giudici della Corte di Cassazione, secondo cui la quantificazione del danno morale, quale autonoma componente del danno alla salute, è rimessa al giudice di merito, che deve fare ricorso ad un meccanismo di proporzionalità diretta, in quanto tanto più grave è la lesione, tanto più grande sarà la sofferenza soggettiva interiore, che è “morfologicamente diversa dall'aspetto dinamico relazionale conseguente alla lesione stessa”. L'Osservatorio sulla Giustizia civile di Milano ha effettuato una rivisitazione della veste grafica della Tabella ed il cuore della valutazione è ormai chiaramente stato dislocato sul piano dell'allegazione e della prova del danno, perché la nuova formulazione, con la finalità specificatamente riconosciuta di voler “agevolare l'operatore del diritto”, persegue l'obiettivo di evitare che la tabellazione dei valori del danno presti il fianco a strumentalizzazioni volte ad aggirare l'assolvimento degli oneri probatori.

 

DANIELA ZORZIT

I “Criteri orientativi” dell’Osservatorio di Milano per la liquidazione del danno da mancato/ carente consenso informato in ambito sanitario

 

Dopo un approfondito lavoro di ricerca e studio durato circa tre anni, l'Osservatorio sulla Giustizia civile di Milano ha approvato i “Criteri orientativi per la liquidazione del danno da mancato/carente consenso informato in ambito sanitario”, fissando 4 “livelli” in cui l'ammontare del risarcimento cresce a seconda della intensità del vulnus: lieve entità, media entità, grave entità ed eccezionale entità.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi dopo