Giurisprudenza commentata

Responsabilità della banca negoziatrice per incasso fraudolento di assegno inviato a mezzo posta

Sommario

Massima | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni | Riferimenti |

 

La responsabilità della banca negoziatrice per l'incasso fraudolento di un assegno intercettato da persona diversa dal destinatario assume natura contrattuale, sotto il profilo della responsabilità da contatto sociale. La responsabilità della banca non è oggettiva, essendo la stessa facoltizzata a provare di avere adempiuto la prestazione con la diligenza qualificata dell'operatore bancario, ex art. 1176, c. 2, c.c.. Quest'ultima norma impone alla banca presso cui l'assegno è presentato per l'incasso di non arrestare le sue verifiche alla apparenza dei documenti identificativi del presentatore, essendole richiesti ulteriori controlli sull'identità del presentatore conforme al beneficiario del titolo.

Leggi dopo