News

Il criterio del "più probabile che non" costituisce il modello di ricostruzione del solo nesso di causalità

17 Novembre 2021 |

Cass. civ.,

Responsabilità del medico libero professionista

Il criterio del "più probabile che non" è suscettibile di essere utilizzato come modello di ricostruzione dei fatti nell'ambito della responsabilità civile unicamente con riguardo all'indagine sul nesso di causalità, ossia con riguardo all'indagine sullo statuto

epistemologico di un determinato rapporto tra fatti o eventi.

 

Con riferimento a ogni altra indagine sulla valutazione dell'idoneità rappresentativa di un determinato compendio probatorio e quindi anche con riguardo all'indagine sulla diligenza di un determinato comportamento umano, deve ritenersi legittimamente utilizzabile la più elastica categoria dell'attendibilità (come predicato della maggiore o minore 'congruità logica' dell'inferenza critica), poiché l’attuale legge processuale civile non consente di censurare la legittimità della motivazione della sentenza, là dove la stessa si dipani in termini di semplice adeguatezza logica, pur non integrando l'opzione interpretativa del compendio probatorio dotata della più elevata probabilità di esattezza rappresentativa.

 

Leggi dopo